Chi siamo

Storia, missione, organizzazione, persone e bilanci dell'UNICEF Italia

bilancio

attività in corso

Attività in corso: luglio-settembre 2015

A luglio 2015 continuano le operazioni umanitarie per alleviare le sofferenze dei bambini colpiti dai conflitti in corso nello Yemen e nell'est dell'Ucraina, mentre viene finalmente posta sotto controllo l'epidemia di Ebola in Africa occidentale. Non conosce tregua l'impegno umanitario per i bambini di Siria e Iraq, dove il conflitto acuisce anche aspetti poco noti quali i matrimoni precoci fra famiglie rifugiate e la dispersione scolastica.

In Italia prendono il via il 9 luglio i laboratori per bambini animati dai volontari dell'UNICEF a EXPO 2015, Il 19 luglio si tiene alle Terme di Caracalla in Roma il Concerto per il Nepal, organizzato da UNICEF e Teatro dell'Opera.

Nella seconda metà di agosto diventa esplosiva la situazione in Grecia e nei Balcani, dove si riversano centinaia di migliaia di profughi - in massima parte siriani, iracheni e afghani - che cercano disperatamente di raggiungere la Germania e il nord Europa.

Il 25 agosto l'UNICEF apre uno "Spazio a misura di bambino" (Child-friendly Space) nella repubblica ex-jugoslava di Macedonia, il primo di quella che sarà una ben più lunga serie nei mesi successivi.

Due buone notizie allietano la giornata del 27 agosto: l'India annuncia di avere finalmente debellato il tetano neonatale e materno, mentre il n. 1 del tennis mondiale Novak Djokovic viene nominato Goodwill Ambassador dell'UNICEF.

A settembre la crisi dei migranti e rifugiati  prende decisamente il centro della scena internazionale. L'UNICEF lancia un appello all'Europa per l'accoglienza dei bambini rifugiati il 4 settembre all'Europa e il 18 settembre direttamente all'indirizzo del governo ungherese

Dopo segnali promettenti, come la smobilitazione di centinaia di minori in armi, a settembre torna a infiammarsi il conflitto nella Repubblica Centrafricana.

Il 25 settembre è una giornata storica per l'intera comunità internazionale, con l'Assemblea Generale dell'ONU che approva i nuovi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, l'agenda globale per il periodo 2016-2030.