Chi siamo

Storia, missione, organizzazione, persone e bilanci dell'UNICEF Italia

bilancio

attività in corso

Il nostro bilancio

Nel 2015 l'UNICEF ha totalizzato - fra raccolta fondi e contributi finalizzati - proventi pari a 55 milioni di euro, con un incremento dell'11,7% rispetto ai 49,3 milioni del 2014, un segno positivo che ritorna dopo 3 anni di flessione.

Sono stati significativamente incrementati gli investimenti nella raccolta fondi che, alla resa dei conti, hanno prodotto entrate in modo più che proporzionale. In particolare, sono stati intensificati gli investimenti per l'acquisizione di nuove donazioni regolari, per i lasciti testamentari e per le infrastrutture tecnologiche. 

Sul fronte delle spese di gestione, al contrario, siamo riusciti a confermare e persino consolidare i risparmi già affermati negli anni precedenti: grazie a un'oculata razionalizzazione delle spese, gli oneri di natura generale (beni e attrezzature, affitti, utenze ecc.) sono scesi di un ulteriore -5% rispetto al 2014.

I costi per il personale sono a loro volta diminuiti (-2%) e sono stati limati i già irrisori costi per consulenze e collaborazioni a progetto.

L'Assemblea del Comitato Italiano per l'UNICEF ha decretato il trasferimento ai programmi per l'infanzia nei Paesi in via di sviluppo del 100% del risultato finanziario, pari a 34.288.177 euro, somma decisamente superiore (+12%) rispetto ai 30,5 milioni di euro trasferiti nel precedente esercizio finanziario.