[/programmi/documenti/dettaglio.htm]
AREA

Adolescenza

Rapporto UNICEF - La Condizione dell'infanzia nel mondo 2011

La condizione dell'infanzia nel mondo 2011
La condizione dell'infanzia nel mondo 2011

Il mondo è giovane, ma non è per i giovani. Sono 1,2 miliardi gli abitanti del pianeta che hanno un'età compresa tra 10 e 19 anni.

Nove su dieci di essi vivono nei Paesi in via di sviluppo e condividono con gli adulti le difficoltà economiche e sociali, con in più le difficoltà della loro età e della carenza di diritti.

L'UNICEF si occupa di loro: delle loro condizioni di vita, della loro istruzione, della loro tutela da abusi e sfruttamento, minacce che crescono con l'età e diventano quanto mai intense proprio nel delicato passaggio dall'infanzia all'età adulta.

La Convenzione ONU sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, faro dell'azione dell'UNICEF e di tutte le organizzazioni impegnate per assicurare ai bambini un futuro migliore, si applica a tutti gli esseri umani da 0 a 18 anni.

Il rapporto globale dell'UNICEF "La Condizione dell'infanzia nel mondo", che ogni anno fa il punto su tutti i principali aspetti che toccano bambini e ragazzi a livello planetario, è dedicato quest'anno alla "Adolescenza, il tempo delle opportunità".

Come sempre, il Rapporto si chiude con l'Appendice statistica contenente i dati più aggiornati e affidabili sull'infanzia (dalla salute all'istruzione, dalle condizioni economiche a quelle demografiche) aggregati e per singolo Stato.

Puoi sfogliare il rapporto online oppure scaricarlo per intero nella traduzione italiana.

Qui trovi il comunicato stampa con i principali messaggi contenuti nel rapporto e la scheda con i principali dati statistici sull'adolescenza a livello globale.

Visita anche la galleria fotografica con alcune delle immagini che corredano il Rapporto.

In occasione del lancio del Rapporto, il settimanale Famiglia Cristiana ha realizzato un dossier dal titolo "Adolescenza in bilico", contenente immagini e dati forniti dall'UNICEF e una intervista esclusiva al Direttore dell'UNICEF Anthony Lake.