[/unicefitalia/documenti/dettaglio.htm]
AREA

Comunità amiche dei bambini

A Milano la prima ASL certificata "doc" per l'allattamento materno

Da sin.: Walter Locatelli (ASL di Milano), Luciano Bresciani (Regione Lombardia), Paola Bianchi (UNICEF Italia), M. Enrica Bettinelli (task force UNICEF-ASL Milano) - ©UNICEF Italia/2012
Da sin.: Walter Locatelli (ASL di Milano), Luciano Bresciani (Regione Lombardia), Paola Bianchi (UNICEF Italia), M. Enrica Bettinelli (task force UNICEF-ASL Milano) - ©UNICEF Italia/2012
26 gennaio 2012 - Questa mattina l’UNICEF Italia ha annunciato la nomina della ASL di Milano a prima “Comunità Amica dei Bambini per l’allattamento materno” d'Italia.  

A celebrare l’evento sono stati  l'Assessore regionale alla Sanità Luciano Bresciani, il Direttore Generale della ASL di Milano G. Walter Locatelli, la Presidente facente funzione dell'UNICEF Italia Paola Bianchi e l'Assessore milanese al Benessere Chiara Bisconti.

Le Comunità Amiche fanno parte di uno dei più vasti programmi di sensibilizzazione ed educazione sanitaria condotti dall'UNICEF nel mondo in collaborazione con l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Obiettivo del progetto è quello di creare una rete di sostegno alle madri e alle famiglie che permetta agli operatori sanitari, ai medici di medicina generale e ai pediatri di famiglia di migliorare le pratiche assistenziali e territoriali affinché i genitori siano sostenuti nel compiere le scelte più adeguate per l’alimentazione e la cura dei propri bambini.

«Gli standard di eccellenza maturati dall'esperienza della ASL di Milano, in un'ottica di integrazione e sostenibilità, rappresentano per l'UNICEF una buona pratica da sviluppare e sperimentare in molti altri contesti» ha dichiarato Paola Bianchi, Presidente f.f. del Comitato Italiano per l'UNICEF. 

«Le aziende sanitarie locali, più e meglio delle altre strutture, costituiscono uno strumento traversale e concreto di lotta alle disuguaglianze e vanno, dunque, valorizzate nel loro sforzo di accoglienza e di innovazione. La struttura fortemente territoriale e la capillarità degli interventi messi in pratica garantiscono solidità alle più importanti attività di prevenzione al disagio e di educazione alla salute. Il programma di supporto all'allattamento al seno e le attività di responsabilizzazione genitoriale sono per noi il primo passo verso una programmazione sanitaria integrata sempre più vicina alla cultura dei diritti. L'Italia 'Amica dei bambini e delle bambine' inizia qui.” ha concluso Paola Bianchi.

«Questo evento rappresenta una delle pagine più significative per la storia di questa azienda sanitaria: il riconoscimento di Comunità Amica dei Bambini, che un organismo prestigioso come l'UNICEF assegna per la prima volta ad una ASL, non può che farci onore e ci stimola ancor di più a proseguire su quella strada da tempo intrapresa e che ci ha condotti a questo importante traguardo» ha commentato il Direttore Generale della ASL, Locatelli.