[/paesi/emergenze/documenti/dettaglio.htm]
AREA

emergenze

Siria e Yemen, i bambini pagano il prezzo più alto

©UNICEF NYHQ/2012-0206/A.Romenzi - NB: fotografia non riproducibile su siti non UNICEF
©UNICEF NYHQ/2012-0206/A.Romenzi - NB: fotografia non riproducibile su siti non UNICEF

L’UNICEF è profondamente preoccupato per le continue sofferenze dei bambini coinvolti nella crisi in Siria, e chiede ulteriori fondi per rispondere alle esigenze dei bambini siriani ora al riparo in Giordania, Libano e Turchia.

In un meeting a Ginevra del Forum umanitario sulla Siria, il Vicedirettore per i programmi di emergenza dell’UNICEF, Dermot Carty, ha dichiarato che bambini e giovani rappresentano il 50% di tutti i rifugiati che giungono in Giordania, Libano e Turchia.

«L’UNICEF è estremamente preoccupato per le notizie provenienti dal campo: dalle interviste a bambini e familiari risulta che la maggior parte dei minorenni sono traumatizzati e mostrano segni di grave disagio» ha affermato Carty. «Ci appelliamo a tutte le parti coinvolte per proteggere i bambini dalle conseguenze fisiche ed emotive delle violenze e degli spostamenti

Carty ha sottolineato il sostegno dell’UNICEF al Piano Regionale di Risposta (RRP) coordinato dall’Alto Commissariato ONU per i Rifugiati (UNHCR), aggiungendo che, con il continuo afflusso di rifugiati, sono necessari maggiori e urgenti finanziamenti.

Dal lancio del Piano (marzo 2012) a oggi, l’UNICEF ha ricevuto meno di 1,5 milioni di dollari a fronte dei 7,4 milioni di dollari richiesti.

 

Mine killer nello Yemen

Altra situazione di grande preoccupazione per l’UNICEF è quella dello Yemen, dove oggi sempre più bambini sono vittime di mine antiuomo e di ordigni inesplosi.

Soltanto nei primi tre mesi del 2012 risulta che 13 bambini abbiano perso la vita e altri 12 siano stati mutilati a causa di mine antiuomo e ordigni inesplosi in altrettanti incidenti. 

Nel 2011, 28 bambini sono stati uccisi e altri 9 sono stati mutilati a causa di ordigni inesplosi e mine antiuomo. Di questi, nel marzo dell’anno scorso, in un unico incidente nel governatorato di Abyan, sono morti 18 bambini e altri 4 sono rimasti feriti nell’esplosione di una fabbrica di munizioni. 

«Questi dati sono estremamente allarmanti» ha dichiarato Geert Cappelaere, Rappresentante dell’UNICEF in Yemen. «Il numero delle vittime nei primi tre mesi del 2012 ha quasi raggiunto il numero totale del 2011

All’inizio di questa settimana, tre bambini sono stati uccisi da una bomba nella provincia orientale di Hadramout mentre, secondo quanto riferiscono i funzionari governativi, stavano recandosi a scuola.

«L’UNICEF è profondamente turbato da questi sviluppi e sollecita fortemente il governo di transizione e tutte le parti interessate in Yemen a garantire, in ogni momento, la sicurezza di tutti i bambini e il loro accesso senza ostacoli a servizi sociali di base» ha detto Cappelaere.

«I minorenni rappresentano oltre metà della popolazione dello Yemen ed è nostra comune responsabilità garantire il soddisfacimento dei loro diritti e la loro protezione» ha aggiunto.