[/paesi/paese/documenti/dettaglio.htm]
Loading


sei in: home / progetti / Haiti

unicef in / Haiti


Haiti

Emergenza terremoto ad Haiti: tutte le informazioni nello speciale http://www.unicef.it/haiti

 
Mappa di Haiti
©UNICEF

Disordini e violenze, instabilità politica e disastri naturali costellano la storia recente e passata di Haiti, il paese caraibico con i peggiori indicatori economico-sociali dell'intera America Latina e di tutto l'emisfero occidentale.

Colonizzato prima dalla Spagna, quindi dalla Francia (XVI-XVIII sec.), Haiti ha conquistato l'indipendenza nel 1804 per entrare in una fase di cronica instabilità politica nel susseguirsi di regimi dittatoriali fino all'occupazione statunitense del 1915-1934. La storia successiva al "protettorato" americano non è stata diversa da quella che l'aveva preceduta, con colpi di stato e rivolgimenti politici.

A questa grande instabilità è seguita la presidenza, durata 14 anni, di Bertrand Aristide  - democraticamente eletto nel 1990, esiliato subito dopo, reinsediato nel 1994.  

Dopo la fuga di Aristide nel 2004 - in un contesto di grande sfiducia anche internazionale - ad Haiti è stato istituito un governo transitorio, ma instabilità e insicurezza non sono però cessate nonostante la presenza di una forza di pace delle Nazioni Unite. 
 
Dopo due anni di forte instabilità politica sotto la presidenza di Boniface Alexandre, il nuovo presidente Renè Preval, eletto nel febbraio 2006, ha immediatamente sottoscritto la Agenda politica per l'infanzia, un documento che fissa riforme sociali per migliorare la condizione di donne e bambini e definito come priorità la lotta all'HIV/AIDS, l'istruzione e la protezione dell'infanzia aprendo nuove speranze per il paese.
 
Infatti ancora oggi molte aree del paese - e della stessa capitale Port-au-Prince - restano tuttora teatro di violenze diffuse e di una situazione d'illegalità imperante che impedisce il funzionamento dei servizi pubblici di base e l'assistenza a oltre 800.000 persone in condizioni di forte vulnerabilità.

Ai problemi legati alla fragilità del sistema politico si sommano i disastri naturali. Haiti infatti si trova sulla rotta stagionale degli uragani caraibici e negli ultimi 10 anni Haiti ha sopportato almeno 20 gravi disastri naturali, con oltre 10.000 morti ed ingenti distruzioni materiali.
 
Uragani, alluvioni, piogge torrenziali, terremoti e smottamenti provocano ogni anno un grande numero di vittime, anche a causa dell'alta densità della popolazione (280 abitanti per km²), di un'urbanizzazione caotica, e di servizi statali non in grado di rispondere con mezzi e capacità d'intervento alle esigenze di una popolazione estremamente vulnerabile.

In questa emergenza complessa, in cui tensioni politico-sociali e catastrofi naturali periodiche interagiscono con una situazione economica disastrosa, sono le fasce più deboli della popolazione, donne e bambini in primo luogo a soffrire di più. 
 
Tre dei quattro milioni di bambini haitiani risentono direttamente della perenne situazione d'emergenza in cui versa il paese, in termini di violenze diffuse e di mancato accesso a servizi di base quali sanità, istruzione e protezione dell'infanzia.

Circa il 60% delle famiglie delle zone rurali e il 32% delle aree urbane soffrono di una cronica insufficienza alimentare; il 20% della popolazione haitiana versa in condizioni di estrema vulnerabilità.

In un paese costantemente sconvolto da violenze politiche e disastri naturali, sono la povertà diffusa e il degrado sociale i fattori di fondo che accrescono esponenzialmente la condizione di vulnerabilità della popolazione in generale e di donne e bambini in particolare.
 

 

Adotta un progetto UNICEF ad Haiti

Haiti è uno dei paesi per i quali i sostenitori italiani dell'UNICEF possono effettuare donazioni direttamente finalizzate alla "adozione" di un progetto specifico che l'UNICEF conduce nel paese. Diversi cittadini e aziende italiani, attraverso il Comitato Italiano per l'UNICEF, stanno già offrendo il loro contributo.

Per saperne di più, visita le pagine dedicate all'adozione del progetto: "Proteggere i bambini durante le emergenze"

 (612.03 KB)Scarica la mappa dettagliata di Haiti (612.03 KB)



 
versione per la stampa Stampa: per il documento in versione stampabile  clicca qui