[/italia/regioni/province/]
AREA

Marche

L'UNICEF riceve il Premio Libero Bizzarri 2012 alla solidarietà

Alcune immagini della consegna del Premio. Foto UNICEF Italia/2012

 

Si è conclusa il 15 luglio a San Benedetto del Tronto la 19^ edizione del Premio Libero Bizzarri: Medi[con]terraneo, Incontro di popoli e di prospettive.
 
Si è raccontato il Mediterraneo del XXI secolo grazie a scrittori, intellettuali, musicisti, cineasti con l’obiettivo di far crescere la conoscenza, far circolare idee, ridurre lo spazio a pregiudizi e luoghi comuni. Al Comitato Italiano per l’UNICEF è stato assegnato il "Premio Bizzarri per la solidarietà" per il lavoro che da molti anni svolge a tutela dei diritti dei bambini nel mondo e sul territorio nazionale, con i suoi volontari e i suoi operatori sul campo.
 
A ritirare il premio era presente il Portavoce dell’UNICEF Italia, Andrea Iacomini: “Sono onorato di ricevere, a nome dell’UNICEF Italia, il Premio Bizzarri. Ringrazio la fondazione e le autorità presenti. Vorrei dedicare il premio ai volontari del comitato UNICEF di Ascoli Piceno, a Sonina, Barbara, Ida, Lolita, Cesarina che mi stringeva la mano poco fa mentre mi raccontava del suo impegno per l'UNICEF. Dedico inoltre il premio ai bambini siriani e ai nostri operatori che li assistono in territorio siriano e nelle zone limitrofe, proteggendoli durante una guerra che miete sempre più vittime innocenti, specie tra i bambini. Questa è la forza dell’UNICEF: una grande rete di comitati locali che lavorano ogni giorno per difendere i diritti dell’infanzia sul territorio ed operatori in 156 Paesi del mondo che combattono contro fame, povertà e violenza. Proprio oggi in Siria sono morte 46 persone, la situazione è grave. Per questo abbiamo lanciato una raccolta fondi per proteggere i bambini. Il compito dell’UNICEF è anche quello di raccontare le condizioni dell’infanzia in Italia e nel mondo e spero che questa sia un’azione che in futuro potremmo sviluppare insieme alla Fondazione Libero Bizzarri.”
 
Andrea Iacomini ha ritirato anche il “Premio Bizzarri per un Cinema dell’Intercultura” a Emanuele Crialese per il film "Terraferma" che, alla Mostra del Cinema di Venezia, aveva già ricevuto il Premio Cinema for UNICEF.