[/programmi/programma/documenti/dettaglio.htm]

Protezione dell'infanzia

#8marzodellebambine - Dati da ricordare

La salute e lo sviluppo delle bambine e delle ragazze è fortemente penalizzata, in numerosi Paesi in via di sviluppo, da fenomeni - come i matrimoni e le gravidanze in età precoce - che affondano le radici in una visione sociale e culturale della condizione femminile che nega il diritto all'istruzione. 
 
L'UNICEF focalizza da sempre la sua azione di tutela dei diritti e di empowerment delle bambine, delle ragazze e delle donne su interventi finalizzati a conseguire per ogni bambina l'accesso universale all'istruzione di qualità. 

In questa pagina puoi trovare alcuni tra i dati più significativi sulle diverse dimensioni del benessere delle bambine e delle donne nel mondo. Fonti dei dati: UNICEF, Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA), Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO).


L'impatto dell'istruzione

  • Dei 57 milioni di bambini esclusi dalla scolarizzazione primaria, il 54% (pari 31 milioni) sono femmine. Nel 2000 il divario era maggiore (58%)
  • La parità di genere sta per essere raggiunta nell’istruzione primaria, ma solo 2 su 130 paesi hanno raggiunto tale obiettivo in tutti i gradi dell'istruzione
  • Si stima che i maschi prevalgano sulle femmine in 30 paesi nel mondo per quanto riguarda la scuola primaria e in circa 60 per la scuola secondaria
  • Gli studi rilevano che le ragazze con istruzione secondaria hanno fino a sei volte meno probabilità di sposarsi precocemente, rispetto alle ragazze con poca o nessuna istruzione
  • Nell’Africa subsahariana, circa 1,8 milioni di bambini, nel 2008, sarebbero stati salvati se le loro madri avessero avuto almeno un’istruzione secondaria (con le relative migliori competenze in termini di salute, igiene e alimentazione dei bambini). Questo avrebbe significato, in questa regione, una riduzione della mortalità infantile del 41%
  • Un anno in più di scuola primaria aumenta l’eventuale retribuzione di una ragazza dal 10 al 20%; un anno in più di scuola secondaria dal 15 al 25%
  • Un'indagine dell'OMS condotta in 51 Stati mostra le lacune nei tassi stimati di completamento della scuola primaria per i bambini con e senza disabilità: per i maschi il divario è del 10% e per le ragazze dell’11%.

Spose bambine

  • Per matrimonio precoce si intende un matrimonio contratto prima di compiere 18 anni. Tale unione viene generalmente considerata espressione di una violazione dei diritti umani
  • Circa 700 milioni di ragazze nel mondo in via di sviluppo (esclusa Cina) tra i 20 e i 24 anni – una su tre a livello globale – si sono sposate o hanno iniziato a convivere con un uomo prima di compiere 18 anni
  • I tassi più alti di matrimoni precoci si registrano in Asia meridionale con il 46% e nell'Africa subsahariana con il 37%
  • Se la tendenza attuale proseguirà, di qui al 2020 142 milioni di bambine si saranno sposate prima di aver compiuto 18 anni. Ciò si traduce in 14,2 milioni di bambine andate in sposa ogni anno, cioè 37.000 ogni giorno.
 

Gravidanze precoci

  • Si stima che almeno 50.000 ragazze tra i 15 e i 19 anni muoiano a causa di complicazioni durante la gravidanza e il parto
  • Se una madre ha meno di 18 anni, il rischio che il suo bambino muoia nel primo anno di vita è del 60% più alto di un bambino nato a una madre che ha superato i 19 anni
  • Le bambine sotto i 15 anni hanno 5 volte più probabilità di morire durante la gravidanza e il parto rispetto alle donne tra i 20 e i 29 anni
  • Un bambino nato da una madre che sa leggere ha il 50% di possibilità in più di sopravvivere dopo i 5 anni
  • Ogni anno in più di istruzione riduce le probabilità della morte di un bambino di un tasso stimato tra il 5 e il 10%.
 

Sfruttamento e abusi

  • Dei 6 milioni e mezzo di bambini tra i 5 e i 14 anni che, nel mondo, lavorano come domestici in abitazioni private, il 71% sono bambine
  • Nel mondo, circa il 20% delle donne hanno subito abusi sessuali da bambine
  • Gli studi condotti dal 1990 al 2010 sulla violenza contro i bambini con disabilità hanno rilevato che la percentuale stimata di violenza contro i bambini con disabilità va dal 26,7% di forme di violenza classificate come "varie" al 20,4% per le violenze fisiche e al 13,7% di violenza sessuale. Alcune forme di abuso sui bambini disabili sono perpetrate soprattutto sulle bambine.
 

Mutilazioni genitali femminili  e HIV-AIDS

  • Ancora oggi, più di 125 milioni di bambine e donne sono state sottoposte a mutilazioni genitali femminili/escissione in tutto il mondo. Una su cinque vive in Egitto
  • Nei prossimi dieci anni, 30 milioni di bambine rischiano ancora di subire questa pratica
  • In tutto il mondo, c’è una maggior prevalenza di ragazze tra i 15 e i 24 anni che convivono con l’HIV rispetto ai maschi. Per esempio, in Africa Subsahariana il 2,4% delle ragazze tra i 14 e i 24 anni ha contratto  l'infezione da l’HIV rispetto all’1,2% dei maschi.