[/programmi/programma/documenti/dettaglio.htm]

Sport

Nuova Zelanda, le leggende del rugby in campo con l'UNICEF

Un'immagine della
Un'immagine della "Haka", la celebre danza di sfida inscenata dalla squadra neozelandese degli "All Blacks" prima di ogni incontro
23 giugno 2014 - New Zealand Rugby (NZR) e UNICEF hanno annunciato l’avvio di una nuova partnership internazionale che vedrà gli All Blacks, e tutte le altre squadre di rugby della Nuova Zelanda, sostenere il lavoro dell'UNICEF per migliorare la vita dei bambini e delle comunità di tutto il mondo.

La partnership tra NZR e UNICEF unisce due dei più rispettati brand mondiali, utilizzando la potenza dello sport per sensibilizzare e raccogliere fondi per i bambini più vulnerabili ed emarginati. 

I partner condividono una visione comune dello sport e del gioco come essenziali per la salute, la felicità e il benessere dei bambini e dei giovani, e come strumenti fondamentali per l'insegnamento di valori forti e corretti stili di vita. Entrambe le organizzazioni credono anche nel potere dello sport che unisce le persone dietro un obiettivo comune, in questo caso, i bambini.

Steve Tew, Direttore generale di NZR ha dichiarato: «Fare la differenza in maniera significativa nella vita delle persone, al di là dell'azione sul campo, è un impegno che prendiamo molto sul serio. I nostri team trascorrono gran parte del tempo lontano da casa e sostenendo l'UNICEF siamo sicuri che possiamo usare la forza del rugby e degli All Blacks per metterci in contatto con tante persone ovunque giochino le nostre squadre».

«Nel nostro lavoro vediamo in prima persona come lo sport possa cambiare la vita anche dei bambini più svantaggiati – i bambini delle comunità povere, i bambini che vivono nelle emergenze e nei conflitti, i bambini con disabilità –e come lo sport possa aiutarli a superare le sfide, a ripristinare un senso di normalità, o a dare semplice gioia nel giocare» ha aggiunto il Direttore dell'UNICEF Anthony Lake.

«Siamo entusiasti nell’accogliere New Zealand Rugby e la famiglia degli All Blacks nel #TeamUNICEF,  e siamo ansiosi di lavorare insieme per rimettere in gioco i bambini più svantaggiati».

All Blacks, All Blacks Sevens, New Zealand Women’s Sevens, Black Ferns, Maori All Blacks e le squadre New Zealand Under 20 sosterranno il lavoro dell'UNICEF mentre giocano in tutto il mondo. È anche possibile donare online per sostenere l'iniziativa degli All Blacks per l'UNICEF.

Si uniranno ad altri partner dell’UNICEF  internazionali sportivi e ambasciatori, tra cui le squadre calcistiche del Barcellona e del Manchester United e a campioni sportivi come David Beckham e Serena Williams.

L'UNICEF collabora  anche con organismi sportivi come il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) ed è partner ufficiale dei Glasgow Commonwealth Games del 2014.

«L'UNICEF Nuova Zelanda lavora già a stretto contatto con le scuole in Nuova Zelanda per aiutare i bambini a conoscere lo sport e il fair play, e siamo anche orgogliosi di avere il sostegno di Jonah Lomu, una leggenda degli All Blacks. Le squadre di rugby della Nuova Zelanda hanno un seguito incredibile in tutto il mondo e non vediamo l'ora di vedere l'impatto il loro sostegno avrà per i bambini su scala globale» ha affermato Dennis McKinlay, Direttore generale del Comitato UNICEF Nuova Zelanda. 

Per il lancio della partnership, New Zealand Rugby ha messo all’asta la maglia incorniciata - autografata dal celebre mediano Dan Carter, in edizione limitata - che celebra il raggiungimento delle sue 100 presenze in partite internazionali (Test caps). Tutti i fondi raccolti dalla vendita all'asta andranno all'UNICEF.

Oltre a dare un supporto al lavoro dell’ UNICEF in tutto il mondo per i bambini, la partnership con gli All Blacks sarà dedicata soprattutto alla campagna globale "100% Vaccinazioni", che ha l’obiettivo di estendere a tutti i bambini la protezione vaccinale di routine.