[/programmi/programma/documenti/dettaglio.htm]

Nutrizione

Giornata Alimentazione: la lotta alla malnutrizione è la chiave per combattere la mortalità infantile

Nyanwot Lam, 2 anni, è una delle decine di migliaia di bambini che rischiano la morte per malnutrizione nel Sud Sudan a causa del conflitto che dilania il paese - ©UNICEF/NYHQ2014-1132/Nesbitt
Nyanwot Lam, 2 anni, è una delle decine di migliaia di bambini che rischiano la morte per malnutrizione nel Sud Sudan a causa del conflitto che dilania il paese - ©UNICEF/NYHQ2014-1132/Nesbitt

Dichiarazione del Presidente dell'UNICEF Italia Giacomo Guerrera

16 ottobre 2014 - Oggi, nella Giornata Mondiale dell’Alimentazione, vogliamo porre l’attenzione sul tema della malnutrizione infantile, uno dei problemi sanitari prioritari a livello mondiale. 

Più di 200 milioni di bambini soffrono di malnutrizione, 162 milioni dei quali sono affetti da malnutrizione cronica. Questo significa che 1 bambino su 4 a livello globale, ha ritardi nella crescita, con conseguenze irreversibili su suo sviluppo fisico e intellettivo.

La malnutrizione espone i bambini a un rischio maggiore di morte e di sviluppare gravi malattie a partire da comuni infezioni infantili come la polmonite, la diarrea e il morbillo o da malaria e HIV/AIDS, tanto da rappresentare una causa concomitante nel 45% dei casi di mortalità infantile (ogni anno sono 6,3 milioni i decessi fra i bambini con meno di 5 anni.

La malnutrizione è una delle tante facce della povertà, eppure combatterla e salvare i bambini è possibile con misure semplici e a basso costo

La lotta contro la malnutrizione materna e infantile è da sempre una parte fondamentale dei programmi dell'UNICEF. Ecco perché anche quest’anno abbiamo deciso di focalizzare su questo tema la nostra Campagna di Natale 2014 di sensibilizzazione e raccolta fondi.

Vogliamo inoltre ricordare che la drammatica emergenza di Ebola che ha colpito alcuni paesi dell’Africa occidentale rischia di mettere ulteriormente a repentaglio i bambini malnutriti; infatti, il collasso dei servizi sanitari di base e di monitoraggio non permette di poter fare delle diagnosi tempestive sui livelli di malnutrizione e garantire in tempo le terapie nutrizionali necessarie.