[/unicefitalia/documenti/dettaglio.htm]
AREA

Ospedali Amici dei bambini

Il Galliera di Genova primo "Ospedale amico dei bambini" della Liguria

Un momento della cerimonia di riconoscimento dell'Ente Ospedaliero
Un momento della cerimonia di riconoscimento dell'Ente Ospedaliero "Ospedali Galliera" di Genova come "Ospedale amico dei bambini" - ©UNICEF Italia/2016/Elise Chapin
18 aprile 2016 - L’Ente ospedaliero "Ospedali Galliera" di Genova è stato nominato oggi dall'UNICEF “Ospedale Amico dei Bambini”.  È il primo ospedale della Liguria a completare il percorso e ricevere questo prestigioso riconoscimento.

Dopo l’apertura musicale eseguita da Yesenia Vicentini, allieva del Conservatorio Paganini, la cerimonia di premiazione dell’Ospedale Galliera è cominciata con i saluti da parte del direttore generale dell’E.O. Ospedali Galliera Adriano Lagostena, dell’assessore alla Salute della Regione Liguria Sonia Viale e del presidente del Comitato Italiano per l’UNICEF Giacomo Guerrera.

Il Programma dell’UNICEF "Insieme per l’Allattamento" è stato presentato da Franco Cirio, presidente del Comitato regionale per l'UNICEF della Liguria e da Elise Chapin del programma "Ospedali & Comunità Amici dei Bambini"..

Numerosi sono stati gli interventi per descrivere il percorso che ha portato il Galliera a ricevere il riconoscimento:
  • Massimo Mazzella, direttore del Dipartimento Materno Infantile e referente per l'iniziativa "Ospedale Amico dei bambini"
  • Franco Gorlero, direttore S.C. Ginecologia e Ostetricia
  • Arianna Parodi reparto Neonatologia
  • Simona Mazzarello, Teresina Ierardi, Maria Pia Fiori, Caterina Pescetto, operatrici IBCLC (International Board Certified Lactation Consultant)
  • Carla Scarsi (La Leche League Italia)
 
Diverse mamme hanno raccontato la propria esperienza personale..

La cerimonia si è conclusa con la consegna della pergamena e la presentazione di una nuova Pigotta, la popolare bambola di pezza dell'UNICEF, dedicata all'Ospedale Galliera. 

L’iniziativa internazionale “Baby Friendly Hospital" (in Italia: Ospedali Amici dei Bambini) è stata lanciata nel 1991 dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dall'UNICEF per assicurare che tutti gli ospedali accolgano nel miglior modo possibile i neonati e divengano centri di sostegno per l’allattamento materno.
 
Dal lancio dell’iniziativa ad oggi, l’UNICEF stima che gli ospedali riconosciuti nel mondo siano più di 23.000, sparsi in oltre 150 paesi.
 
Durante il percorso di riconoscimento, il Galliera ha compiuto una trasformazione dell'assistenza a mamme e bambini, applicando i “Dieci passi per la promozione, la protezione ed il sostegno dell'allattamento materno” e rispettando il Codice Internazionale sulla Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno

Questo significa migliorare le pratiche assistenziali rendendo protagonisti i genitori, sostenendoli nelle scelte per l’alimentazione e le cure dei propri bambini. Le madri intervistate durante la visita di valutazione hanno riferito una presenza qualificata costante a sostegno loro e dei neonati, garantita anche grazie all’utilizzo di messaggi sull’allattamento inviati tramite sms e programmati in accordo con La Leche League.
 
In Italia sono attualmente riconosciuti 26 ospedali che, con le 6 Comunità Amiche dei Bambini e un Corso di Laurea Amico dell’Allattamento, e uniti al progetto Baby Pit Stop (spazi dedicati all'allattamento al seno: oltre 400 in tutta Italia, inclusi i corner all'interno dello stesso Ospedale Galliera) formano il programma UNICEF "Insieme per l’allattamento"