[/unicefpeople/goodwillambassador/documenti/dettaglio.htm]
AREA

Ambasciatori internazionali

Ricky Martin incontra i bambini siriani rifugiati in Libano

Ricky Martin tra i bambini dell'insediamento informale di Al-Hissa (Libano) - ©UNICEF/UN020858/Choufany
Ricky Martin tra i bambini dell'insediamento informale di Al-Hissa (Libano) - ©UNICEF/UN020858/Choufany
3 giugno 2016
3 giugno 2016  – Ricky Martin, popstar di fama mondiale e Goodwill Ambassador dell'UNICEF, si è recato in missione in Libano dove ha incontrato  i bambini siriani rifugiati nel paese.

In Libano sono circa 1,1 milioni i rifugiati siriani dall'inizio della guerra (marzo 2011): oltre metà di loro sono bambini e ragazzi con meno di 18 anni.

I bambini rifugiati vivono in condizioni molto dure, a rischio di sfruttamento e abuso. Molti di loro, invece di frequentare la scuola, sono costretti a lavorare. 

«Siamo ormai nel sesto anno di una crisi che ha devastato la vita di milioni di bambini e famiglie. In tutto il Medio Oriente, sono 2,8 milioni i bambini che non frequentano la scuola. Ho incontrato bambini che sono stati costretti a diventare capofamiglia, lavorando fino a 12 ore al giorno» ha dichiarato Ricky Martin ai giornalisti che lo hanno intervistato. «Il mondo deve fare di più per assicurarsi che questi bambini siano protetti dallo sfruttamento e che abbiano accesso ad ambienti protetti dove poter studiare e realizzarsi».

Ricky Martin è stato molto colpito dalla storia di Batoul, una bambina di 11 anni proveniente da Homs, nell'ovest della Siria. Batoul e due sorelle più grandi mantengono da sole una famiglia composta da 13 persone. «Non mi pagano con denaro, ma con acqua e riparo per i miei familiari. Passo le giornate raccogliendo fave, ciliegie, patate, tutto quello che a seconda della stagione c'è nei campi.» 

Il deterioramento della situazione economica dei rifugiati siriani ha notevolmente aggravato la piaga del lavoro minorile in Libano.
 
Al dolore e al disagio psicologico, che già colpisce molti dei bambini che hanno abbandonato la propria terra a  causa del conflitto si aggiunge la sofferenza provocata da alcune tra le peggiori forme di  sfruttamento, come il lavoro nei cantieri edili, che nei giovanissimi possono causare danni a lungo termine nello sviluppo fisico e  psicologico.
 
L’UNICEF e le organizzazioni partner mirano ad affrontare le cause dirette del lavoro minorile lottando contro la povertà, fornendo istruzione gratuita ai bambini, opportunità economiche a genitori e giovani in età lavorativa, individuando i bambini coinvolti nelle peggiori forme di sfruttamento del lavoro minorile e offrendo loro accesso ad opportunità alternative, a cominciare dall'istruzione - fomale e non. 

Durante i due giorni della sua missione il cantante portoricano è stato testimone dell'impegno dell'UNICEF Libano volto a garantire ambienti sicuri nei quali bambini e adolescenti possono giocare e ricevere l'aiuto di cui hanno bisogno per rientrare nel sistema scolastico ufficiale.

Nella Valle della Bekaa (al confine tra Libano e Siria)  e ad Akkar, Ricky Martin ha assistito ad attività ricreative per i bambini organizzate all'interno degli "insediamenti informali" [in Libano non è stata concessa la realizzazione di campi profughi strutturati], incontrando inoltre ragazzi e ragazze ai quali l’UNICEF sta offendo formazione professionale e sostegno scolastico.

L'UNICEF opera in stretta collaborazione con le istituzioni libanesi, così come con organizzazioni umanitarie libanesi e internazionali, per venire incontro alle esigenze di oltre 800.000 minori in condizione di vulnerabilità che hanno cercato rifugio nel paese, concentrandosi su interventi in ambito sanitario, nutrizionale, educativo, idrico, igienico e per la protezione dell'infanzia.. 

«Sono stato ispirato dal coraggio di questi bambini. Si stanno guadagnando le conoscenze e le competenze necessarie per contribuire alle loro famiglie, alle comunità e alle società quando raggiungeranno l'età adulta. Investire nel loro presente è un investimento per il futuro della regione» ha dichiarato Ricky Martin.

Nel suo ruolo di Goodwill Ambassador dell'UNICEF, che ricopre dal 2003, Martin è stato un appassionato difensore dei diritti dell'infanzia, concentrando il suo impegno sulla protezione dei bambini contro lo sfruttamento, l'abuso e il traffico. Inoltre, l'UNICEF e la Ricky Martin Foundation hanno collaborato sul dramma del traffico dei minori e del  lavoro minorile.