[/campagne/documenti/dettaglio.htm]
AREA

#EmergencyLessons

#EmergencyLessons, la scuola dopo il terremoto (Nepal)

Milan e Susma, i due studenti protagonisti della videostoria dal Nepal per la campagna UNICEF-UE #EmergencyLessons
Milan e Susma, i due studenti protagonisti della videostoria dal Nepal per la campagna UNICEF-UE #EmergencyLessons
17 ottobre 2016 – “Qual è il lavoro dei tuoi sogni?” è la quinta video-storia di #EmergencyLessons, la campagna lanciata da UNICEF e Unione Europea per far conoscere al pubblico italiano ed europeo l'importanza fondamentale dell'istruzione nelle crisi umanitarie.

Il video è ambientato nel Nepal colpito nella primavera 2015 da due violenti terremoti e ha come protagonisti due studenti, Milan e Susma, che mostrano le ferite inferte dal sisma alla loro vecchia scuola per poi condurci a visitare il centro scolastico temporaneo realizzato da UNICEF e UE, e il sito dove viene costruita quella che sarà la loro futura scuola. 

A conclusione del video, i due giovani nepalesi condividono il loro progetto professionale per il futuro: Susna sogna di diventare infermiera, mentre Milan vuole fare l'assistente sociale.

Nella maggior parte dei distretti del Nepal centrale oltre l'80% delle strutture scolastiche è stato distrutto o danneggiato, e ben 35.000 aule sono state cancellate dal sisma

UNICEF e Unione Europea hanno installato 800 scuole provvisorie come quella dove oggi studiano Milan e Susma.
 

Guarda il video di Milan e Susma (Nepal)

 
 
#EmergencyLessons racconta le grandi difficoltà che i bambini vittime di conflitti o disastri naturali devono affrontare per continuare a studiare, ma anche la loro straordinaria resilienza.

Ancora oggi, nel mondo, un quarto dei bambini in età scolare – 462 milioni in tutto – vivono nei 35 Stati colpiti da crisi umanitarie. 

#EmergencyLessons ha l’obiettivo di raggiungere, attraverso i social media, 20 milioni di cittadini europei, in particolar modo i giovani sotto i 25 anni di Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Slovenia, Slovacchia e Regno Unito, per ispirarli a sostenere i milioni di bambini e adolescenti che hanno interrotto il percorso scolastico a causa delle emergenze.