[/sostienici/aziende/documenti/dettaglio.htm]

le aziende per UNICEF

Louis Vuitton annuncia la prima giornata #makeapromise in tutte le boutique del mondo

Unicef e Luis Vuitton

9 Gennaio 2017 - Un anno dopo il lancio della partnership globale con l’UNICEF, il  prossimo 12 gennaio, Louis Vuitton, attraverso la propria rete globale di boutique, annuncia la sua prima giornata #makeapromise volta alla raccolta fondi destinati ai bambini che hanno urgente bisogno di aiuto.

Circa 250 milioni di bambini vivono in paesi colpiti da conflitti e molti altri affrontano rischi legati a calamità naturali ed epidemie a rapida diffusione.

A partire da gennaio 2016, la partnership Louis Vuitton per UNICEF ha contribuito a raccogliere 2,5 milioni di dollari che hanno permesso di portare aiuti salva vita ai bambini in Siria e Nigeria.

Così facendo, la partnership ha portato speranza ai bambini che hanno subito gli orrori di guerra e deprivazioni. 

A dimostrazione di come questo contributo abbia fatto la differenza, nel 2016, 4,5 milioni di bambini e le loro famiglie in Siria sono stati protetti attraverso la fornitura di acqua. 

Per ogni vendita del pendente o del bracciale Silver Lockit, 200 euro vengono donati all’UNICEF.  

In questa occasione, Louis Vuitton rinnova la propria promessa di aiutare i bambini e invita tutti, in tutto il mondo, ad unirsi alla causa. 

Gli ospiti saranno incoraggiati a partecipare in compagnia di una persona a loro cara per fare insieme la pinky promise e a condividerla online con lo speciale hashtag #makeapromise. 

Per invogliare le persone a supportare la promessa, sarà disponibile una proposta esclusiva per coloro che acquistano due Silver Lockit (in tutte le boutique Louis Vuitton e online su louisvuitton.com il 12 gennaio 2017).

«La solidarietà inizia da noi» dice Michael Burke, Presidente di Louis Vuitton. 

«L’anno scorso abbiamo invitato i nostri team a fare un gesto simbolico che avrebbe coinvolto le persone in tutto il mondo.

L’idea della campagna #makeapromise nasce dai bambini: loro, quando fanno una promessa, la prendono sul serio e la suggellano intrecciando i mignoli. I bambini ci mostrano un modo semplice per cambiare il mondo.

Un anno dopo il nostro lancio, i nostri team hanno avuto questa idea per mantenere viva la promessa fatta. E’ necessario unire le forze in tutto il mondo per raccogliere fondi e sensibilizzare le persone alle necessità dei bambini. 

Noi crediamo nel passaparola. Il nostro obiettivo è quello di raggiungere il maggior numero possibile di persone e fare la vera differenza 

L’UNICEF è la principale organizzazione umanitaria e di sviluppo che lavora a livello mondiale per i diritti di ogni bambino. 

L’obiettivo della partnership «LOUIS VUITTON per UNICEF» è la raccolta fondi volta a sostenere bambini esposti a conflitti, malattie, disastri naturali e altre situazioni che minacciano la loro sicurezza e il loro benessere. 

»Milioni di bambini, che rappresentano le fondamenta di un futuro stabile, oggi subiscono violenze, conflitti e malattie.

Ora più che mai la necessità di unirsi per e con i bambini è di importanza cruciale. Facendo una promessa per i bambini, in particolare per quelli colpiti da situazioni di conflitto, i clienti e i dipendenti Louis Vuitton dimostrano il loro impegno per portare speranza ai bambini più vulnerabili,» ha dichiarato Gérard Bocquenet, Direttore del Private Fundraising and Partnerships UNICEF.  

L’UNICEF è presente prima, durante e dopo situazioni di crisi umanitarie. In Siria, lo scorso anno, l’UNICEF ha raggiunto 4 milioni di bambini di età inferiore ai cinque anni con vaccini antipolio, 14 milioni di persone con acqua potabile e circa 140.000 bambini con materiale scolastico. 

In diverse zone della Siria ancora tanti bambini sono intrappolati. l’UNICEF sta lavorando con i suoi partner per raggiungere 1,5 milioni di persone con acqua potabile, vaccinare i bambini e fornire il supporto psicologico di cui hanno bisogno. 

Louis Vuitton invita inoltre i propri clienti a fare donazioni direttamente all’UNICEF durante tutto l’anno e soprattutto durante le emergenze. 



   Tags:  louis vuitton