[/diritti/documenti/dettaglio.htm]
AREA

Minorenni di origine straniera

#20MaggioSenzaMuri, UNICEF e Comune di Milano: ogni bambino è cittadino

17 maggio 2017 -  L’UNICEF Italia ha aderito e parteciperà, sia a livello nazionale, sia tramite il proprio Comitato provinciale di Milano, alla mobilitazione “Insieme senza muri” (#20MaggioSenzaMuri) che si svolgerà a Milano sabato 20 maggio, condividendo i valori di solidarietà, accoglienza, umanità enunciati nel relativo appello.
 
L’UNICEF è impegnato al livello nazionale e internazionale sul tema dei minorenni migranti e rifugiati, e a questo riguardo è operativo in Italia in base ad un accordo con il Ministero dell’Interno.
 
«La nostra attenzione va alle bambine, ai bambini, alle ragazze e ai ragazzi i quali, nella quasi totalità dei casi, arrivano in Italia da soli» afferma il Presidente dell’UNICEF Italia, Giacomo Guerrera. «Accogliamo quindi con piacere l’appello alla base della manifestazione e in modo particolare il riferimento alla necessità di riformare favorevolmente e in tempi brevi l’attuale legge sulla cittadinanza italiana su cui siamo impegnati da anni, insieme ad altre Organizzazioni della società civile con cui da tempo condividiamo un percorso comune per la promozione e tutela in Italia dei diritti di cittadinanza dei minorenni di origine straniera.» 
 
«Con UNICEF abbiamo condiviso molte battaglie in difesa delle bambine e dei bambini, per garantire loro protezione, accoglienza, accudimento e tutela dei diritti, anche nella nostra città» sottolinea l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Milano, Pierfrancesco Majorino.
 
«Ci siamo schierati a favore del riconoscimento della cittadinanza a chi è nato nel nostro Paese, sostenendo con convinzione la campagna ‘Io come Tu’, un percorso che ancora non è finito e che attende una risposta definitiva dal Parlamento. Per noi ogni bambino nato nel nostro Paese è italiano a tutti gli effetti e ci auguriamo che al più presto lo sia anche per il nostro ordinamento.»
 
L’UNICEF ribadisce in particolare l’urgenza di approvare entro la fine dell’attuale Legislatura il disegno di legge di riforma della cittadinanza – già approvato in prima lettura alla Camera -  di cui è stato annunciato l’approdo in Aula al Senato il prossimo 15 giugno.

«Considerato che in passato l’Assessorato delle Politiche Sociali del Comune di Milano ha accolto l’invito promosso dall'UNICEF Italia attraverso il programma ‘Città Amiche dei Bambini e delle Bambine’ e la campagna ‘Io come Tu’ contro ogni forma di discriminazione, di conferire la cittadinanza onoraria a tutti i minorenni di origine straniera nati e/o che vivono sul territorio comunale, ci auguriamo che l’iniziativa possa essere ripetuta dal Comune di Milano anche quest’anno, con l’auspicio che a breve si possa far riferimento non più solo ad iniziative simboliche, ma ad una nuova legge su questo tema» conclude Guerrera.