[/unicefpeople/goodwillambassador/documenti/ambasciatore.htm]
AREA

Ambasciatori e Testimonial

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco

Fu l'imperatore Augusto, nel lontano 26 A.C., ad istituire a Roma un primo corpo stabile di vigili del fuoco. Occorre però arrivare al 1935 per assistere alla nascita ufficiale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Da allora i vigili sono sempre in prima linea nella protezione dei cittadini e nel 1989 il Corpo è stato nominato Goodwill Ambassador dell'UNICEF Italia con questa motivazione: "La presenza nelle emergenze, caratterizzata dall'imparzialità e votata esclusivamente a rispondere ai bisogni dell'essere umano, accomuna i Vigili del Fuoco e l'UNICEF e crea i presupposti per una naturale alleanza tra loro in favore dell'infanzia; (...) ad essi affidiamo l'impegno ideale di rappresentare, ovunque intervengano, lo spirito di solidarietà che deve animare l'azione di coloro che hanno a cuore le sorti dei bambini e delle bambine". Per sottolineare questa alleanza di intenti tutti i Vigili del fuoco portano sulla divisa lo stemma con il logo dell'UNICEF.

Sostenitori di centinaia di iniziative, nel dicembre 1999 sono tra i protagonisti della campagna di raccolta fondi "Per Natale fateli tornare bambini", organizzata dall'UNICEF Italia in collaborazione con "La Repubblica".
 
Nel 2001 promuovono la campagna "Yes for children", referendum organizzato su scala mondiale che ha permesso di raccogliere quasi un milione e mezzo di firme in favore dei diritti dell'infanzia.
 
Nel corso del 2003 i Vigili del Fuoco sostengono la campagna "Infanzia rubata, infanzia violata", promossa da UNICEF Italia e Zapping, trasmissione radiofonica del GR1 Radio Rai, per contrastare la pratica delle mutilazioni sessuali, il turismo sessuale e l'uso dei bambini soldato. Nel maggio dello stesso anno organizzano, presso l'Istituto Superiore Antincendi, la mostra "Dove sei Piccolo Principe?". Rivolta ai bambini tra i 5 e i 14 anni ed ai loro insegnanti e genitori, l'esposizione prendeva spunto dalla storia del "Piccolo Principe" per ricordare, soprattutto agli adulti, tutte quelle cose che diventando grandi si dimenticano.

A conclusione delle celebrazioni per i 30 anni di attività dell'UNICEF Italia, i Vigili del fuoco partecipano alla serata "Compleanno tra amici. 30 anni dalla parte dei bambini", svoltasi presso l'Auditorium Parco della Musica di Roma. Nella stessa serata è stato consegnato il "Premio UNICEF 2004".

Il Corpo sostiene l'iniziativa UNICEF "Adotta una pigotta", organizzata a Natale nelle piazze italiane per dare in adozione le Pigotte, bambole di pezza realizzate da migliaia di volontari che aderiscono a questo progetto. Con un'offerta minima di 20 euro, corrispondente al costo medio di un ciclo di vaccinazione in un paese a basso reddito, si assicura la completa immunizzazione ad un bambino. I Vigili ed i loro familiari hanno creato delle "Pigotte Vigili del fuoco", utilizzando stoffe ricavate da divise originali fuori uso.

Lo scorso 21 marzo 2005, in occasione del giuramento del 192° corso degli allievi Vigili del Fuoco, Giuseppe Pisanu, allora Ministro degli Interni, alla presenza dell'ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, ha ufficialmente annunciato una serie di iniziative che verranno realizzate in tutta Italia allo scopo di sottolineare il legame che unisce i Vigili del Fuoco all'UNICEF Italia e attivare una raccolta fondi a sostegno dei programmi UNICEF. Nel corso delle iniziative i Vigili del Fuoco allestiranno una mostra fotografica sul loro lavoro e forniranno una serie di informazioni relative al tema sicurezza, con una particolare attenzione per i bambini.

I Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco, in collaborazione con i Comitati locali UNICEF, tra il 2005 ed il 2006 hanno lanciato il "Children's Day", organizzato con lo scopo di raccogliere fondi a favore dei bambini nelle emergenze dimenticate. Per l'occasione i Vigili hanno simulato interventi di soccorso e organizzato percorsi di sicurezza per i bambini.
 
Nel 2005 alcune donne che lavorano nel corpo si sono rese disponibili per un calendario in cui sono state fotografate in momenti della loro professione e raccontano quali sono le motivazioni che le hanno spinte a scegliere questo mestiere molto particolare. Il ricavato di questa iniziativa è andato a favore del progetto dell'UNICEF Italia "Istruzione delle bambine in Eritrea", finalizzato alla costruzione e ristrutturazione di 16 scuole, alla formazione di insegnanti e alla fornitura di materiali didattici per 25.000 bambini eritrei.

Il Calendario dei Vigili del Fuoco donne

 

Dicembre 2005 - Un nuovo calendario, ma non uno qualunque: questo è il primo calendario in Italia in cui alcune donne, che hanno scelto di lavorare nei Vigili del Fuoco, si fanno fotografare in momenti della loro professione e raccontano quale è stata la motivazione per cui hanno scelto questo mestiere molto particolare, sicuramente unico nel suo genere.

Per volere di tutte le protagoniste e degli autori, il ricavato di questa iniziativa è andato a favore del progetto dell'UNICEF "Istruzione delle bambine in Eritrea", finalizzato alla costruzione e ristrutturazione di 16 scuole, alla formazione di insegnanti e alla fornitura di materiali didattici per 25.000 bambine e bambini eritrei. 

I Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco, in collaborazione con i Comitati locali UNICEF, tra il 2005 ed il 2006 hanno lanciato il "Children's Day", organizzato in varie città italiane con lo scopo di raccogliere fondi a favore dei bambini nelle emergenze dimenticate. Per l'occasione i Vigili hanno simulato interventi di soccorso e organizzato percorsi di sicurezza per i bambini.
Il 6 e 7 ottobre si è celebrata a Roma la conclusione del "Children's Day 2006" con una grande manifestazione che ha coinvolto i bambini delle scuole. 

 

PER SAPERNE DI PIÙ
www.vigilfuoco.it
www.anvvf.com