[/diritti/convenzione/documenti/dettaglio.htm]
AREA

Convenzione sui diritti dell'infanzia

Reclami per i minori vulnerabili, un convegno di UNICEF e Associazione Cammino

16 giugno 2017Mercoledì 21 giugno 2017, con inizio alle h. 15 si terrà presso l’Auditorium UNICEF "Arnoldo Farina", in via Palestro 68 a Roma, il convegno promosso da UNICEF Italia e Associazione Cammino (Camera Nazionale Avvocati per la Famiglia e i Minorenni) intitolato  “I reclami al Comitato ONU - Il III° Protocollo Opzionale alla Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza – una nuova opportunità per i diritti dei più vulnerabili”.

La Convenzione ONU sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, approvata dall'Assemblea Generale dell'ONU il 20 novembre 1989, è il trattato sui diritti umani maggiormente ratificato della storia. Recepita in Italia con legge del 27 maggio 1991, la Convenzione ispira sin dalla sua origine l'azione dell'UNICEF e di tutte le organizzazioni del mondo attive nella tutela e nella promozione dei diritti dei bambini.

Alla Convenzione si sono aggiunti negli anni diversi Protocolli Opzionali, vincolanti per tutti gli Stati che li hanno ratificati, I Protocolli includono norme che estendono e migliorano la tutela dei diritti dei bambini e degli adolescenti in ambiti specifici, come i conflitti armati o lo sfruttamento sessuale. 

Il terzo di questi Protocolli, adottato dall'Assemblea Generale dell'ONU il 19 dicembre 2011, è entrato in vigore il 14 aprile 2014 grazie alla 10° ratifica da parte di uno Stato. Il 4 novembre 2015 è stato recepito anche dal nostro ordinamento giuridico, 

Il terzo Protocollo introduce un innovativo meccanismo che consente anche ai minorenni - individualmente o in gruppo - di sollevare reclami relativi a specifiche violazioni dei propri diritti sanciti dalla Convenzione e dagli altri due suoi Protocolli opzionali, 

Grazie a queste nuove norme, i minorenni che subiscono violazioni negli Stati che hanno ratificato il Protocollo potranno, una volta esperiti i mezzi di ricorso nazionali, presentare un reclamo al Comitato ONU sui diritti dell’infanzial’organismo indipendente di esperti incaricati di monitorare il rispetto dei diritti dell’infanzia da parte degli Stati. 

Tutti gli Stati che hanno ratificato la Convenzione e i suoi Protocolli Opzionali hanno l'obbligo di rendere questi meccanismi accessibili a tutti i minorenni, con particolare attenzione a quelli più vulnerabili, come quelli con disabilità o appartenenti a minoranze

Una legge di ratifica non è tuttavia sufficiente a garantire la piena fruibilità di questo importante strumento: come sarà ampiamente illustrato nel corso del convegno, è necessario che in Italia, come in molti altri Stati, sia posta in essere un’efficiente struttura che faccia da tramite e faciliti l’accesso dei minorenni alla procedura di ricorso.
 
 

Il programma del convegno

Al convegno interverranno: 

  • Giacomo Guerrera, Presidente dell'UNICEF Italia
  • l’avv. Maria Giovanna Ruo, Presidente dell’Associazione Cammino
  • il Ministro plenipotenziario Fabrizio Petri, Presidente del Comitato Interministeriale per i Diritti Umani
  • l’avv. Maria Masi, Coordinatrice Commissione famiglia del Consiglio Nazionale Forense
  • la dr.ssa Annunziata Bartolomei, Vicepresidente Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali
  • l’avv. Mauro Vaglio, Presidente Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma. 
 
Si entrerà poi nel vivo del tema con le relazioni di:

  • prof.ssa Ersiliagrazia Spatafora, docente di “Protezione dei diritti dell'uomo nella giurisprudenza internazionale ed europea” presso l’Università Europa di Roma, che illustrerà il sistema dei protocolli alla Convenzione ONU.
  • avv. Ester di Napoli, Ufficio Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza, che si soffermerà sul III° Protocollo e la funzione del reclamo
  • avv. Maria Giovanna Ruo, Presidente dell’Associazione Cammino, che analizzerà le criticità interpretative ed operative nell’applicazione del Protocollo
  • dott. Vincenzo Starita, Direttore Generale Dipartimento Giustizia minorile, che offrirà una relazione sui possibili rimedi a tali criticità.
Concluderà l’evento la prof.ssa Silvana Calaprice, Vicepresidente dell’UNICEF Italia e docente di Pedagogia generale e sociale presso l’Università di Bari, che illustrerà gli aspetti pedagogici dello strumento.

L’evento sarà moderato dal Direttore generale dell’UNICEF Italia Paolo Rozera.
 
Il convegno è gratuito ed aperto a tutti previa iscrizione sul sito dell'Associazione Cammino.

Sono stati richiesti 4 crediti formativi al Consiglio Nazionale Forense n. 4 crediti formativi. e altrettanti al Consiglio Nazionale dell'Ordine degli Assistenti Sociali.