[/paesi/emergenze/documenti/dettaglio.htm]
AREA

emergenze

Oltre 10 milioni di bambini vivono in paesi minacciati dall’uragano Irma

© UN News
7 settembre 2017 – Oltre 10,5 milioni di bambini vivono in paesi esposti ai danni dell’uragano Irma.

In base all'attuale traiettoria della tempesta, i bambini nelle isole dei Caraibi orientali, della Repubblica Dominicana, Haiti e Cuba sono in pericolo, fra questi oltre 3 milioni hanno meno di 5 anni.
 
L’UNICEF è preoccupato per centinaia di migliaia di bambini che potrebbero subire gli effetti peggiori della tempesta, con maggiore rischio per coloro che vivono nelle zone costiere.
 
«Forti venti e piogge torrenziali hanno già attraversato alcune delle isole più piccole e più esposte nei Caraibi orientali, fra cui Anguilla e Barbuda» ha dichiarato Patrick Knight, Responsabile Comunicazione dell’UNICEF nei Caraibi orientali.
 
«Mentre l’entità dei danni si fa sempre più chiara, vediamo che il livello di distruzione è alto; la nostra priorità è quella di raggiungere tutte le famiglie e i bambini che si trovano nelle comunità colpite il più presto possibile
 
Irma, uragano di categoria 5 [il livello più alto nella scala Saffir-Simpson che misura la potenza dei cicloni tropicali] mercoledì ha attraversato diverse isole dei Caraibi orientali, lasciandosi dietro una scia di devastazione, soprattutto ad Anguilla, nelle isole Vergini britanniche, a Barbuda e nelle isole Turks e Caicos.
 
Le prime stime suggeriscono che in queste isole sono state colpite 74.000 persone, fra cui 20.000 bambini.
 
Secondo le autorità locali, le reti di comunicazione in molte delle aree colpite sono state totalmente o parzialmente danneggiate.
 
Le infrastrutture, fra cui strade, ponti, ospedali e scuole, hanno anche subito diversi livelli di danni. A Barbuda, il 90% delle infrastrutture sono state distrutte, fra cui si stima 132 scuole.
 
La preoccupazione immediata dell’UNICEF è quella di fornire acqua potabile e servizi igienici alle comunità colpite, portando anche servizi di protezione per i minorenni sia ai bambini che agli adolescenti, fra cui anche supporto psicosociale per coloro che sono stati colpiti.
 
L’UNICEF aiuterà anche a ripristinare il sistema scolastico e per la prima infanzia.
 
Prima della tempesta, l’UNICEF aveva stoccato scorte di aiuti umanitari ad Antigua, Barbuda, e Barbados per agevolare la più rapida distribuzione di questi beni alle popolazioni colpite, in coordinamento con le autorità locali.
 
Questi articoli includono acqua, cibo e medicine, sostanze per la depurazione delle scorte idriche, kit igienici, alloggi provvisori e materiali didattici .
 
Si prevede che l’uragano Irma proseguirà il suo cammino devastante verso ovest, con la Repubblica Dominicana, Haiti e Cuba a rischio nelle prossime ore e nei prossimi giorni.