[/diritti/documenti/dettaglio.htm]
AREA

Minorenni di origine straniera

UNICEF, Save the Children e Rete G2 a #CittadinanzaDay

Alunne italiane e siriane in una scuola primaria di Trento - ©UNICEF/UN069359/A.Romenzi
Alunne italiane e siriane in una scuola primaria di Trento - ©UNICEF/UN069359/A.Romenzi
12 ottobre 2017 – A due anni dall’approvazione in prima lettura alla Camera dei Deputati della riforma della legge sulla cittadinanza, UNICEF Italia, Save the Children Italia e Rete G2 Seconde Generazioni aderiscono al #CittadinanzaDay (appuntamento: 13 ottobre h. 16,30, Piazza Montecitorio a Roma), promosso dal Movimento Italiani Senza Cittadinanza e dalla campagna L’Italia sono anch’io, unendo la propria voce a quella della società civile, degli intellettuali, dei rappresentanti delle istituzioni e delle tante Organizzazioni del Terzo Settore che in questi giorni hanno preso posizione rispetto allo stallo in cui versa la riforma della legge sulla cittadinanza.
 
UNICEF Italia, Save the Children Italia e Rete G2 Seconde Generazioni ribadiscono l’assoluta necessità di sostenere la riforma e di non rinviarne ulteriormente la calendarizzazione in Senato, avendo come obiettivo quello di approvarla in via definitiva entro il termine dell’attuale legislatura.
 
Le tre Organizzazioni auspicano altresì che sul tema della riforma della cittadinanza sia data un’informazione accurata e completa, priva di strumentalizzazioni. 
 
Sottolineano, inoltre, come le modifiche migliorative dell’attuale normativa sulla cittadinanza siano divenute imprescindibili per la stessa coesione sociale del Paese, non facendo che dare legittimità ad una realtà ormai radicata che consta di 814.851 alunni di origine straniera frequentanti il Sistema scolastico italiano, di cui 478.522 (ovvero quasi il 60%) nati in Italia (Dati MIUR, A.S. 2015/2016).