[/paesi/paese/documenti/dettaglio.htm]

progetti

Yemen, così la carenza di carburante asseta i bambini

Bambini del campo per sfollati di Khamir, nello Yemen - ©UNICEF/UN073957/Clarke for UNOCHA
Bambini del campo per sfollati di Khamir, nello Yemen - ©UNICEF/UN073957/Clarke for UNOCHA
20 dicembre 2017 – Le recenti limitazioni imposte alle importazioni di carburante verso lo Yemen hanno provocato nel paese una carenza di beni fondamentali e un aumento dei prezzi, con una forte ricaduta sull'accesso all'acqua potabile e ad altri servizi vitali per i bambini, quali l’assistenza sanitaria e i servizi igienici. 

Questi tagli rappresentano l’ultima sfida da affrontare per contenere l’epidemia di diarrea acquosa acuta e di colera nel paese, che combatte da decenni con una grave carenza idrica.

Il prezzo del diesel è raddoppiato in solo un mese, compromettendo la distribuzione di acqua, in particolar modo per le famiglie più povere. Le stazioni di pompaggio che riforniscono oltre 3 milioni di persone attraverso i sistemi pubblici in 14 città stanno rimanendo senza carburante.

I prezzi dell’acqua commercializzata – che disseta un quinto della popolazione – sono arrivati alle stelle. In media i prezzi sono raddoppiati, ma in alcune aree sono aumentati persino di 6 volte.

I bambini sotto i 5 anni rappresentano oltre un quarto del milione totale di casi sospetti di diarrea acquosa acuta e colera.

Oltre 385.000 bambini soffrono di malnutrizione acuta grave e stanno combattendo per rimanere in vita. Lo scarso accesso all'acqua sicura è anche una delle cause principali della malnutrizione.

L’UNICEF sta garantendo circa 450.000 litri di carburante al mese per consentire alle stazioni per il pompaggio dell’acqua di continuare a funzionare a Sana’a, Hodeida, Hajja e in altre città nel paese. 

Anche l’UNICEF e altri partner sono stati colpiti dalla mancanza di carburante e dalla crescita dei prezzi, che ha reso ancora più difficile soddisfare i bisogni di base dei bambini.