[/paesi/paese/documenti/dettaglio.htm]

progetti

Gaza, un convoglio umanitario per alleviare le sofferenze delle famiglie

Il convoglio umanitario UNICEF con aiuti sanitari per oltre 100.000 abitanti della Striscia di Gaza - ©UNICEF Palestina/2018
Il convoglio umanitario UNICEF con aiuti sanitari per oltre 100.000 abitanti della Striscia di Gaza - ©UNICEF Palestina/2018
11 aprile 2018 - Negli ultimi 10 giorni tre bambini sono stati uccisi e altre decine gravemente feriti nei recenti tragici eventi nella Striscia di Gaza. L'UNICEF deplora tutti gli atti di violenza contro i bambini.

I bambini di Gaza vivono da molti anni in condizioni durissime. 

È necessario che tutte le parti in lotta mettano al primo posto la protezione dell'infanzia. I bambini non dovrebbero mai essere bersaglio della violenza e non devono essere messi a rischio o incoraggiati a partecipare ad essa.

Questi ultimi sviluppi aggravano la condizione già estremamente difficile della Striscia di Gaza, dove le famiglie da quasi un anno hanno elettricità per meno di cinque ore al giorno

Tra i giovani palestinesi, che nell'ultimo decennio hanno vissuto tre successivi conflitti armati, la disoccupazione è superiore al 60%

Appena il 10% delle famiglie di Gaza ha un accesso regolare e diretto all'acqua potabile

250.000 minorenni (uno su quattro) necessitano di sostegno psicosociale a causa dei traumi subiti, e oltre metà dei bambini dipendono da qualche forma di assistenza per la propria sopravvivenza quotidiana.

Ieri l'UNICEF ha potuto far entrare a Gaza, tramite un convoglio umanitario, rifornimenti sanitari di prima necessità, attesi da tempo, con medicinali e attrezzature mediche sufficienti per le cure di base per 100.000 persone. 

Stiamo inoltre informando i genitori sulla possibilità di chiedere assistenza psicologica e counselling per i traumi dei loro figli, e continuiamo a lavorare per dare ai bambini di Gaza salute, acqua, igiene, istruzione e protezione.
 
 
(Dichiarazione di Geert Cappelaere, Direttore UNICEF per Medio Oriente e Nord Africa)