[/paesi/emergenze/progetti/emergenze/libia/documenti/dettaglio.htm]
AREA

emergenze

Libia, arrivate 4,7 milioni di dosi di vaccini per proteggere i bambini a rischio

Un aereo cargo dall'UNICEF all'aeroporto Mitiga di Tripoli, in Libia con la fornitura di  dosi di vaccini contro morbillo, rosolia e polio, integratori di vitamina A, siringhe - © UNICEF/Libia
Un aereo cargo dall'UNICEF all'aeroporto Mitiga di Tripoli, in Libia con la fornitura di dosi di vaccini contro morbillo, rosolia e polio, integratori di vitamina A, siringhe - © UNICEF/Libia
26 ottobre 2018 – Il terzo cargo aereo dell’UNICEF è arrivato (ieri) all’aeroporto di Mitiga, a Tripoli, completando il trasporto di 4,7 milioni di dosi di vaccini contro Morbillo, Rosolia e Polio e 2,75 milioni di dosi di supplementi di Vitamina A, siringhe.
 
Questi aiuti saranno fondamentali per la Campagna di Nazionale di Vaccinazione in Libia realizzata con l’OMS a partire da fine novembre.
 
La campagna ha l’obiettivo di proteggere circa 2,75 milioni di bambini a rischio per malattie prevenibili con un vaccino.

Il conflitto ancora in corso in Libia ha creato danni alle infrastrutture sanitarie, interrotto il servizio sanitario pubblico e l’accesso a cure mediche di base.
 
I limitati investimenti nel sistema sanitario hanno colpito gravemente, tra gli altri programmi di base, le vaccinazioni dei bambini.

Aggravati dalla disperata situazione dei migranti che utilizzano la Libia come punto di transito, molti dei quali non sono stati vaccinati nei loro paesi d’origine o hanno saltato la dose necessaria in Libia, i servizi per le vaccinazioni di routine nel paese non sono sufficienti.
 
Un certo numero di ragazzi e ragazze, in particolar modo tra le comunità migranti e di coloro che vivono in aree difficili da raggiungere e colpite dal conflitto, non sono stati vaccinati.

«Malattie mortali come il morbillo non discriminano, possono colpire ogni bambino vulnerabile, ovunque.  Stiamo lavorando duramente con le autorità libiche per assicurare che i vaccini salva vita siano disponibili nel paese, comprese le zone difficili da raggiungere. Essere vaccinati è un diritto per ogni bambino», ha dichiarato Abdel – Rahman Ghandour, Rappresentante Speciale dell’UNICEF in Libia.

«La recente epidemia di morbillo e i rischi di importazione del polio virus rendono molto importante incrementare l’immunità dei bambini contro queste malattie. OMS e UNICEF insieme stanno per condurre una campagna nazionale di vaccinazioni contro il Morbillo e la Polio; questo è l’approccio più strategico per prevenire un’epidemia più ampia e fornire vaccini anche a bambini e giovani migranti,» - ha dichiarato Syed Jaffar Hussein, Rappresentante e Capomissione OMS in Libia.

L’UNICEF, l’OMS e Il Fondo Centrale di Risposta all’Emergenza delle Nazioni Unite (CERF) hanno stanziato 5 milioni di dollari per portare avanti campagne di vaccinazioni a livello nazionale in risposta all’epidemia di morbillo, vaccinazioni contro la polio e supplementi di Vitamina A.
 
La campagna sarà realizzata in collaborazione il Centro per il Controllo delle Malattie del Ministero della Salute, OMS, IOM e UNHCR.