tool

Polmonite e diarrea: due killer dell'infanzia che sappiamo come sconfiggere

Copertina del Rapporto UNICEF 2012 su Polmonite e diarrea -  -
Copertina del Rapporto UNICEF 2012 su Polmonite e diarrea - -
Nuovo Rapporto dell'UNICEF dedicato a due nemici mortali dell'infanzia, malattie banali in Occidente ma che nei Paesi poveri uccidono ogni anno 2 milioni di bambini. Interventi a basso costo e innovazioni in ambito sanitario possono debellarli.

Polmonite e diarrea causano quasi un terzo della mortalità tra i bambini al di sotto dei cinque anni a livello mondialepiù di 2 milioni di vite ogni anno. Quasi il 90% delle morti per polmonite e diarrea avvengono nell’Africa subsahariana e nell’Asia meridionale.

L’UNICEF lancia un nuovo rapporto su polmonite e diarrea, i due principali killer dei bambini di età inferiore ai cinque anni, sottolineando la grande opportunità di ridurre il divario nella sopravvivenza dei bambini sia tra diversi Paesi, che all’interno dei Paesi stessi, grazie all’aumento dell’impegno, dell’attenzione e dei finanziamenti.
 
Il rapporto dell’UNICEF è stato reso pubblico poco prima del lancio di un’importante iniziativa mondiale per la sopravvivenza dei bambini – che si terrà a Washington  i prossimi 14 e 15 giugno – promossa dai Governi di Etiopia, India e Stati Uniti, con 700 leader ed esperti a livello mondiale del settore privato e pubblico e della società civile.
 

Conosciamo la ricetta

«Noi sappiamo cosa serve contro polmonite e diarrea, le due malattie che colpiscono duramente i più poveri» ha dichiarato Anthony Lake, Direttore generale dell’UNICEF. «L’incremento di semplici interventi potrebbe far superare i due maggiori ostacoli alla sopravvivenza infantile contribuendo a dare ad ogni bambino buone possibilità di crescita.»

Prevenzione e trattamenti per entrambe le malattie spesso si sovrappongono e includono interventi fondamentali quali: aumento della copertura vaccinale, promozione dell’allattamento al seno, lavaggio delle mani con sapone, ampliamento dell’accesso all’acqua potabile sicura e ai servizi igienici, distribuzione di sali per la reidratazione orale per i bambini con diarrea e antibiotici per i bambini con polmonite batterica.

Il rapporto afferma che oltre 2 milioni di bambini potrebbero essere salvati nei 75 Paesi con il tasso più alto tasso di mortalità se tutti i bambini al di sotto dei 5 anni che vi abitano ricevessero la stessa adeguata copertura ricevuta dal 20% della popolazione più ricca (degli stessi paesi).

Alcuni dati che emergono dal rapporto:
 


L'importanza delle innovazioni per la lotta a polmonite e diarrea

Nuovi vaccini contro le principali cause di polmonite e diarrea sono già disponibili. Il rapporto sottolinea che molti Paesi a basso reddito hanno introdotto il vaccino contro l'Haemophilus influentiae tipo B (Hib)
 
Mentre il vaccino antipneumococcico coniugato è sempre più largamente disponibile. I Paesi a basso reddito devono urgentemente introdurli nei rispettivi programmi di vaccinazioni di routine.

Le innovazioni possono servire a fare la differenza. Zinco e compresse di amoxicillina in dosaggio infantile, tavolette aromatizzate di sali per la reidratazione orale in pacchetti più appetibili per i bambini, l’utilizzo di tecnologie con cellulari e SMS - stanno consentendo agli operatori sanitari di raggiungere le comunità e le aree più remote dove i bambini sono maggiormente a rischio. 
 
«L’innovazione ha contribuito a salvare milioni di vite e ne salverà ancora di più» ha concluso Anthony Lake.


https://www.unicef.it//doc/3962/polmonite-e-diarrea.htm

footer
Comitato Italiano
per l'UNICEF onlus
Via Palestro 68, 00185 Roma
Numero Verde 800-745.000
Cod. Fis. 015619 205 86
C/C postale 745.000
IBAN IT55 O050 1803 2000 0000 0505 010
email info@unicef.it
www.unicef.it