tool

Vaccinati contro il morbillo in Siria 2 milioni di bambini

Un team mobile di vaccinatori all'opera nel campo per sfollati di Mabrouka (nord-est della Siria) dove trovano rifugio famiglie fuggite dai combattimenti di Deir-Ez-Zor e Raqqa - ©UNICEF Siria/2017/Delil Souleiman -  -
Un team mobile di vaccinatori all'opera nel campo per sfollati di Mabrouka (nord-est della Siria) dove trovano rifugio famiglie fuggite dai combattimenti di Deir-Ez-Zor e Raqqa - ©UNICEF Siria/2017/Delil Souleiman - -
Oltre 2 milioni di bambini in Siria raggiunti nei 5 giorni della campagna di vaccinazione contro il morbillo organizzata da UNICEF, OMS e Ministero siriano della Salute

29 maggio 2017 - La scorsa settimana - dal 20 al 25 maggio - UNICEF e Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) hanno affiancato il Ministero della Salute siriano in una campagna nazionale di vaccinazione che ha raggiunto oltre 2 milioni di bambini di età compresa tra 7 mesi a 5 anni, in 12 dei 14 Governatorati del paese.

L'UNICEF ha fornito 3 milioni di dosi di vaccino anti-morbillo, altrettante siringhe e scatole di sicurezza e ha organizzato la campagna nazionale di informazione e sensibilizzazione, condotta attraverso affissioni, distribuzione di volantini e altri mezzi.

Sono stati oltre 8.000 gli operatori coinvolti negli ambulatori e nei team sanitari mobili, che nei 5 giorni della campagna hanno raggiunto i bambini in ogni luogo, inclusi i centri per sfollati. 

Prima della guerra civile in Siria i tassi di immunizzazione erano fra i più alti del Medio Oriente. Dall'80% del 2011 si è scesi a una copertura vaccinale del 41% (dato del 2015). In alcune aree del paese teatro del conflitto le vaccinazioni di base sono interrotte da tempo, e questa situazione ha innescato focolai epidemici di malattie infettive come il morbillo.

Il ponte della nave della Guardia Costiera Gregoretti gremito di migranti salvati nella notte precedente - ©UNICEF Italia/2017/Enrico Noviello

Team mobili come quello nella fotografia qui sopra sono stati indispensabili per raggiungere le località più remote come Mabrouka, in pieno deserto nel nord-est della Siria, dove circa 2.000 civili si sono rifugiati in un accampamento spontaneo.

Queste famiglie sono fuggite da zone teatro di feroci combattimenti tra esercito siriano, ribelli e ISIS, come Raqqa, Deir-ez-Zor e Manbij.

La carenza di infrastrutture sanitarie e le pessime condizioni igieniche rendono questo accampamento un terreno ideale per la proliferazione di malattie infettive potenzialmente letali per l'infanzia come il morbillo.

Sono circa 700 i bambini di questo insediamento che hanno beneficiato della vaccinazione.



https://www.unicef.it//doc/7588/siria-vaccinati-contro-morbillo-2-milioni-di-bambini.htm

footer
Comitato Italiano
per l'UNICEF onlus
Via Palestro 68, 00185 Roma
Numero Verde 800-745.000
Cod. Fis. 015619 205 86
C/C postale 745.000
IBAN IT55 O050 1803 2000 0000 0505 010
email info@unicef.it
www.unicef.it