Loading


condividi  
argomento

emergenze  

 

Ad agosto 1.000 tonnellate di aiuti, la più grande operazione umanitaria via aerea mai realizzata dall'UNICEF

26 agosto 2014  Solo durante il mese di agosto l’UNICEF ha inviato 1000 tonnellate di aiuti salva vita per i bambini intrappolati nelle crisi più gravi del mondo: questo rappresenta la più grande operazione di consegna di aiuti d’emergenza nella storia dell’organizzazione in un unico mese.
immagine documento

Rapporto sulle emergenze, 45 crisi da fronteggiare nel 2013

25 gennaio 2013  45 crisi umanitarie, un miliardo di euro necessari, ma anche molti milioni di bambini nutriti, curati, vaccinati e protetti: sono le cifre più significative del nuovo rapporto UNICEF sulle emergenze per l'anno appena iniziato.
immagine documento

Rapporto UNICEF sulle emergenze, un miliardo di aiuti per il 2012

27 gennaio 2012  Le crisi umanitarie richiederanno nel 2012 quasi 1,3 miliardi di dollari di interventi per assistere quasi 100 milioni di bambini e donne: è la stima del rapporto UNICEF sulle emergenze, che documenta anche l'immenso lavoro svolto nell'anno appena concluso per salvare milioni di vite umane.
immagine documento

Primi aiuti UNICEF nell'Indonesia colpita da una doppia catastrofe

28 ottobre 2010  L'UNICEF sta lavorando in stretta collaborazione con i partner governativi per inviare aiuti d’emergenza ai bambini.
immagine documento

Haiti: rallenta l'epidemia, efficace l'azione umanitaria

28 ottobre 2010  Salgono a 300 i morti, ma la virulenza dell'epidemia rallenta e soprattutto il colera non ha raggiunto la capitale: merito degli interventi di cura e prevenzione messi in atto dalle organizzazioni umanitarie e dalle autorità locali. Pronto un piano per lo scenario peggiore
immagine documento

Haiti, lotta contro il tempo per fermare l'epidemia di colera

24 ottobre 2010  Nell'isola devastata dal terremoto di gennaio è esplosa un'epidemia della variante più letale del colera: il 30% delle vittime sono bambini, L'UNICEF in azione per soccorrere i malati. Segnalati i primi casi nella capitale Port-au-Prince.
immagine documento