Fai la differenza nella vita di Umara, salvala dalla malnutrizione

Fai la differenza nella vita di Umara. Diventa Amico dell'UNICEF

L’UNICEF protegge i tuoi dati.

Tu sei molto importante per noi: in passato il tuo sostegno ci ha permesso di curare, salvare e proteggere i bambini in tutto il mondo, giorno dopo giorno. A maggio la legge su come possiamo comunicare con te è cambiata: vogliamo continuare a farti sapere come il tuo aiuto fa la differenza nella vita dei bambini e su come puoi restare al loro fianco anche in futuro, per questo motivo ci teniamo a farti sapere che i tuoi dati personali sono sempre al sicuro e a tenerti informato su come li raccogliamo, utilizziamo e archiviamo. Qui sotto puoi leggere l’informativa completa, conforme agli obblighi previsti dal nuovo Regolamento Europeo. Ci prendiamo cura dei tuoi dati.

Informazioni da fornire ai sensi dell’art. 13, Regolament Europeo 679/2016 (c.d. “GDPR”)

I dati personali presenti nei nostri archivi sono trattati, con modalità prevalentemente elettroniche e con strumenti di analisi anche statistica, da Comitato Italiano per l’Unicef Onlus – titolare del trattamento – Via Palestro 68, 00185 Roma (RM), per l’espletamento di tutte le fasi connesse alla donazione e/o all’adesione ai nostri progetti e appelli specifici umanitari, ivi comprese attività strumentali (es.: comunicazioni sui versamenti, riepiloghi di donazione). Inoltre, saranno trattati per ottemperare a norme amministrative e di altro genere obbligatorie in forza di legge vigente nel nostro Paese o in virtù di decisioni dell’UE e conservati per il tempo imposto da tali discipline. Sulla base del consenso che sarà richiesto al primo contatto utile e volontariamente prestato per ogni forma di contatto (es.: telefono, e-mail, posta, Sms, ecc.), i dati saranno trattati per fini di contatti promozionali, informativi e istituzionali sui nostri progetti, attività e iniziative di raccolta fondi, sondaggi e ricerche e, pertanto, conservati nei nostri archivi per il periodo temporale necessario a mantenere costante il rapporto instaurato con l’interessato per mantenerlo informato sulle azioni di sensibilizzazione che Unicef ritiene utile far conoscere per dimostrare il proprio costante impegno nella realizzazione della propria missione benefica e umanitaria, permettendoci, così, di proseguire la nostra missione fintanto che il suo interesse permane, affinché possiamo ricevere sostegni economici per continuare la nostra attività istituzionale e per mantenere informata la persona che già ha manifestato interesse nei nostri confronti. Ovviamente, tale periodo di conservazione è esteso fintanto che dura l’interesse della persona a rimanere in contatto con Unicef: se non ha più interesse, è sufficiente sia comunicato attraverso le modalità sotto spiegate e Unicef adotterà le appropriate misure tecniche e organizzative per non disturbare più la persona. In seguito, saranno anonimizzati per fini statistici e poi distrutti, se non altrimenti disposto da autorità di controllo, forze dell’ordine e magistratura. Sulla base al consenso che sarà richiesto al primo contatto utile e volontariamente prestato per ogni forma di contatto (es.: telefono, e-mail, posta, Sms, ecc.), distintamente a quello precedentemente menzionato, i dati saranno trattati per contatti aventi i fini appena indicati ed eseguiti in maniera personalizzata in base alle caratteristiche di comportamento (es.: importo donato, frequenza donazione, zona di residenza), a interessi e preferenze rispetto le nostre azioni (“profilazione”). La profilazione comporterà la selezione delle informazioni archiviate rispetto alla persona interessata, affinché questa riceva comunicazioni di suo interesse e in linea con le sue preferenze, evitando di essere disturbata da contatti non graditi o di non interesse. I dati saranno conservati fintanto che il profilo dell’interessato è in linea con le comunicazioni personalizzate create attraverso l’incrocio delle informazioni a nostra disposizione e, dunque, fintanto che Unicef prosegue la propria missione con progetti, iniziative, azioni e attività che richiedono contributi economici o che spronano alla sensibilizzazione che sono di interesse della persona perché rispecchiano le caratteristiche e i comportamenti della persona e sono, dunque, di suo specifico interesse e non di disturbo. Anche in questo caso, tale conservazione verrà meno se l’interessato manifesta opposizione in qualsiasi momento al trattamento dei dati personali che lo riguardano effettuato per la profilazione nella misura in cui sia connessa al marketing diretto.
Tutte le predette attività potranno essere eseguite attraverso strumenti di comunicazione tradizionale ed elettronica (e-mail, sms, mms, telefonate – anche automatizzate – su numero fisso e cellulare, social network e altri strumenti evoluti di contatto, oltre che per posta cartacea).

I dati saranno trattati anche dai responsabili esterni preposti a servizi connessi a quanto sopra. I dati potranno essere altresì trattati da soggetti terzi per fini strumentali alla donazione (quali: l’istituto di emissione della carta di credito), che agiranno quali autonomi titolari del trattamento e, per quanto qui non indicato, sono tenuti a rendere le informazioni da fornire ex art. 13, GDPR.
L’eventuale trasferimento dei dati verso Paesi terzi (extra-UE), per trattamenti strumentali alla gestione della banca dati dei donatori, avverrà adottando le clausole contrattuali prescritte dalla decisione 05/02/2010 della Commissione Europea.

Le persone autorizzate al trattamento sono gli incaricati alle attività istituzionali, all’amministrazione e gestione donatori, alla organizzazione di progetti e iniziative, eventi e raccolta fondi, al call centre, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati.
Ai sensi degli artt. 15-22, GDPR, scrivendo al titolare al suddetto indirizzo postale o all’e-mail infoprivacy@unicef.it, si possono esercitare i diritti di consultazione, modificazione, di cancellazione e oblio, limitazione del trattamento dei dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per scopi informativi e promozionali, anche limitatamente a uno o più strumenti di contatto (es.: via e-mail e/o sms e/o posta e/o telefono). Qualora non sia precisato, l’opposizione al trattamento dei dati per fini informativi sarà inteso esteso a tutti gli strumenti di contatto. In caso di revoca del consenso prestato, che può essere presentata in qualsiasi momento, resta inteso che ciò non pregiudica la liceità del trattamento basata sul consenso precedentemente manifestato o su meccanismi alternativi al consenso consentiti dalla legge. Si rende, altresì, noto che l’interessato ha il diritto di presentare reclamo all’autorità di controllo per far valere i suoi diritti. Sempre scrivendo all’indirizzo postale sopra indicato o inviando un’e-mail a infoprivacy@unicef.it si può richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento. Il Data Protection Officer è contattabile all’e-mail dpo@unicef.it per informazioni sul trattamento dei dati.
Infine, si ha diritto di richiedere la portabilità dei dati, vale a dire di ricevere in formato strutturato, di uso comune e leggibile da comuni dispositivi elettronici, i propri dati per trasmetterli direttamente ad altro soggetto, autonomo titolare del trattamento, affinché li possa trattare entro i limiti stabiliti dalla persona interessata. Informazioni sulla nostra politica di data protection sono richiedibili all’e-mail infoprivacy@unicef.it o consultando la privacy policy presente alla pagina Web www.unicef.it/privacy.

Quando Umara è arrivata all’ospedale del campo profughi di Ravi, in Nigeria, era debole, fragile, non rideva più, non giocava più e non aveva la forza nemmeno di tenere aperti gli occhi. I medici l’hanno subito visitata: il suo braccio misurava solo 9 cm per 4,2 kg di peso. Troppo poco a 7 mesi di vita. La diagnosi è stata malnutrizione acuta grave.

Umara ha iniziato subito un trattamento salvavita a base di alimento terapeutico, che fornisce molte calorie, vitamine e sali minerali. Sta facendo progressi, recuperando peso e appetito. Anche altri bambini possono essere salvati dalla malnutrizione.

€25 assicurano 81 razioni
di alimento terapeutico