COVID-19

COVAX, per un accesso equo e globale ai vaccini

COVAX per un accesso equo e globale al vaccino

L'UNICEF è l’agenzia guida per l’attuazione dei programmi previsti dall’Access to COVID-19 Tools-Accelerator (ACT-A), la collaborazione globale volta ad accelerare lo sviluppo, la produzione e l'accesso equo ai tre pilastri della lotta al COVID-19 - vaccini, strumenti diagnostici e terapeutici - e la connessione trasversale tra i sistemi sanitari per un’efficace risposta alla pandemia. Come parte della risposta integrata al COVID-19, l'UNICEF supporta l'Appello globale per l'ACT-A, diretto a porre fine nel 2022 alla pandemia come emergenza di portata mondiale.

L'UNICEF è operativo nei processi di tutti e tre i pilastri ed è stato ufficialmente designato quale agenzia di riferimento per la più grande operazione di approvvigionamento e fornitura di vaccini per conto del Global COVAX Facility, il pilastro per i vaccini contro il COVID-19. 

La Global COVAX Facility, coordinata da GAVI (l’Alleanza Globale per i Vaccini), CEPI (Coalition for Epidemic Preparedness Innovations) e OMS - e di cui l’UNICEF è il partner operativo per la logistica, le forniture e la programmazione degli interventi - agisce come una piattaforma che sostiene la ricerca, sviluppo e produzione di una vasta gamma di vaccini contro il COVID-19, negoziandone prezzo e forniture. 

Tutti i paesi partecipanti, indipendentemente dai livelli di reddito, avranno uguale accesso ai vaccini una volta approvati. Obiettivo dell’UNICEF è assicurare sostegno prioritario ai paesi a basso e medio reddito per la fornitura di vaccini, test di diagnosi, terapie di cura e dispositivi di protezione individuale (DPI) - che non sarebbero in grado di procurarsi - e combattere le forti disuguaglianze nell'accesso agli strumenti di lotta al COVID-19.

COVAX e ACT-A: gli obiettivi per il 2022

4miliardi

DOSI DI VACCINO

988milioni

TEST DIAGNOSTICI

120milioni

CASI ASSISTITI CON TERAPIE ADEGUATE

Per i paesi a basso reddito, che altrimenti non sarebbero in grado di permettersi i vaccini, COVAX rappresenta un'ancora di salvezza e l'unico modo attraverso cui riusciranno a vaccinare la popolazione. Per i paesi a reddito medio-alto, in grado di autofinanziare le spese per i vaccini, il COVAX offre la possibilità di opzioni di acquisto alternative agli accordi bilaterali con i produttori.

Per il 2022, obiettivo dell’UNICEF è contribuire alla vaccinazione a livello globale del 70% della popolazione dei paesi a basso reddito, mantenendo un’iniziale priorità per gli operatori medici e sociosanitari e gli ultrasessantacinquenni e i soggetti fragili, per preservare la continuità dei servizi sanitari essenziali -  inclusi quelli fondamentali per la salute materna e infantile - e contrastare i tassi di mortalità da COVID-19 per le categorie più vulnerabili.

Per monitorare lo stato delle forniture dei vaccini attraverso il COVAX, l’UNICEF ha reso operativo il COVID-19 Vaccine Market Dashboard, un cruscotto interattivo che permette ai paesi beneficiari, ai partner di intervento e ai produttori di vaccini di attingere informazioni in tempo reale su aspetti cruciali quali le consegne, lo sviluppo di vaccini contro il COVID-19 e i progressi nell’approvazione di quelli prodotti, nonché i prezzi riportati.

COVAX, il viaggio di un vaccino

Portare i vaccini contro il COVID fin nei più remoti angoli del pianeta non è un gioco. Occorrono capacità logistiche straordinarie, mezzi di trasporto che garantiscano la continuità della "catena del freddo", una programmazione senza possibilità di errore e soprattutto la dedizione di migliaia di operatori, disposti a coprire l'ultima parte del percorso - quella più difficile e pericolosa - a qualunque costo, pur di contribuire a proteggere la vita di medici, infermieri e soggetti a rischio. 

Nel video che segue, realizzato in "stile-Lego", vogliamo raccontare il viaggio del vaccino anti COVID-19.

Perché l'UNICEF?

Quale primo fornitore al mondo di vaccini, l’UNICEF dispone di una competenza tecnica unica e di lungo periodo per la distribuzione di vaccini, farmaci e strumentazione medica, per l’assistenza ai bambini e alle popolazioni più vulnerabili.

In ragione di questa esperienza, l’UNICEF è stata indicata quale agenzia deputata alla fornitura dei vaccini contro il COVID-19, in collaborazione con il PAHO Revolving Fund per l’area latino-americana, in un’opera senza precedenti nella storia per portata e complessità delle operazioni da sostenere.

L’UNICEF è la sola organizzazione al mondo con competenze e sistemi operativi adatti a supportare a livello globale gli interventi richiesti dalla piattaforma del COVAX. Nel 2021 abbiamo gestito oltre 2,7 miliardi di dosi vaccinali e coordinato migliaia di spedizioni di vaccini che necessitavano catene del freddo, tra cui quelli per la polio, che necessitano temperature di meno 20 gradi: acquisendo negli anni una competenza tecnica di massimo livello. 

Obiettivi strategici

Vaccinando il personale medico contro il COVID-19 sarà possibile permettere la continuità dei servizi sanitari essenziali, interrotti a causa dei lockdown o rallentati per gli ostacoli provocati dalla pandemia: le vaccinazioni, la terapia della malnutrizione, la cura di malattie mortali come polmonite, diarrea acuta e malaria e gli interventi ostetrici, le cure prenatali, post parto e neonatali.  

Dalla continuità e regolarità di questi interventi essenziali dipende la vita di milioni di bambini: il rischio è che la pandemia di COVID-19 vanifichi decenni di progressi raggiunti per la salute dell’infanzia a livello globale.  

Come UNICEF svolgiamo un ruolo fondamentale affinché questi interventi si realizzino, operando su diversi piani e con molteplici referenti: 

  • per la fornitura dei vaccini, acquistati dall’UNICEF con i fondi della GAVI, gestendo l’intera filiera dell’approvvigionamento, trasporto, stoccaggio, distribuzione e somministrazione;
  • con le case produttrici dei vaccini, per l’acquisto delle scorte attraverso i fondi messi a disposizione dalla GAVI, negoziando i migliori accordi possibili e sostenendone i costi per i paesi più poveri;
  • con le compagnie aeree, per il trasporto nei paesi destinatari delle scorte vaccinali, in sicurezza, alla corretta temperatura e in via prioritaria;
  • per la preparazione dei paesi all’introduzione del vaccino, in termini di pianificazione delle varie fasi, adeguamento delle infrastrutture ed apparecchiature, formazione del personale e informazione e sensibilizzazione della società civile;
  • per la logistica necessaria allo stoccaggio all’arrivo delle scorte, al trasporto e distribuzione sul territorio, attraverso una catena del freddo adeguata alle diverse tipologie di vaccino;
  • per la formazione del personale sanitario, perché sappia curare in sicurezza la gestione e il trasporto delle scorte per somministrazione dei vaccini, sostenendo le operazioni di vaccinazione sul territorio;
  • per la sensibilizzazione delle società civili, perché siano informate e consapevoli, contrastando ogni esitazione e disinformazione;
  • per la mobilitazione delle risorse, necessarie a che sia approntato nei paesi più vulnerabili tutto il necessario per le vaccinazioni – catena del freddo, siringhe e il necessario allo smaltimento, logistica e formazione, informazione e sensibilizzazione - in sinergia con i governi, il settore privato e i grandi donatori. 

Appello d'Emergenza per il 2022

La strategia dell’UNICEF per un accesso equo agli strumenti di contrasto al COVID-19 – perseguita attraverso l'Appello d’Emergenza per il 2022, aggiornato al mese di giugno - integra gli sforzi compiuti a livello globale per la risposta al COVID-19, per mitigare gli effetti della pandemia, assicurare i servizi sanitari e sociali essenziali e costruire sistemi nazionali più efficienti e resilienti.

Nel 2021 l'obiettivo primario è stato la vaccinazione di operatori medici e sociosanitari e della popolazione vulnerabile, e tra gli interventi e risultati sostenuti abbiamo procurato vaccini, test, terapie, DPI ed il necessario per la lotta al COVID-19, attuando misure di comunicazione del rischio e di coinvolgimento comunitario.

Per il 2022 stiamo operando per estendere la vaccinazione delle popolazioni dei paesi a basso e medio reddito. Sebbene come UNICEF sosteniamo il complesso degli obiettivi globali per l’ACT-A, attraverso il nuovo Appello per il 2022 miriamo ad assicurare:

  • il sostegno per la vaccinazione a livello globale del 70% della popolazione dei paesi a basso e medio reddito.
  • Il supporto alla somministrazione di 4,1 miliardi di dosi di vaccino nei paesi a basso e medio reddito, riservando 100 milioni di dosi a sistemi d’emergenza per gravi crisi umanitarie.
  • La fornitura di 21 milioni di test diagnostici in paesi a basso e medio reddito alle prese con emergenze umanitarie.
  • Il potenziamento dei sistemi di ossigenoterapia in 20 paesi colpiti da emergenze umanitarie.
  • La fornitura  di dispositivi di protezione individuale/DPI sufficienti a 55 milioni di giornate di utilizzo in paesi in emergenza, con attenzione a 30 paesi in grave crisi, per la protezione degli operatori sanitari in prima linea contro il COVID-19.
  • Il sostegno alle attività di Comunicazione del rischio e coinvolgimento comunitario in 133 paesi a basso e medio reddito, per l’adozione di comportamenti consapevoli, inclusa la disponibilità a vaccinarsi contro il COVID-19.


I fondi necessari per l'Appello d’Emergenza per il 2022 - rivisto a giugno in base a un’analisi aggiornata dei costi e per maggiori risorse destinate per le vaccinazioni - ammontano a 1,3 miliardi di dollari, per l’estensione della copertura vaccinale e sostenere i nostri interventi diretti ad arrestare la pandemia di COVID-19 a livello globale. Del totale dei fondi necessari, 914 milioni di dollari sono diretti ai vaccini contro il COVID-19.

Pagina aggiornata al 22 luglio 2022

Documenti disponibili

L’Azione Globale dell’UNICEF- Quadro dei Risultati_22/7/2022pdf / 1.16 Mb

Download

COVID-19 - Appello d'Emergenza UNICEF per l'ACT-A_Giugno 2022pdf / 1.20 Mb

Download

COVID-19 - La RISPOSTA UNICEF per l'ACT-A nel 2021_Aprile 2022pdf / 1.17 Mb

Download

COVID-19 - Appello d'Emergenza UNICEF per l'ACT-A nel 2022_Dicembre 2021pdf / 1.19 Mb

Download

COVID-19 - Appello d'Emergenza UNICEF per l'ACT-A nel 2021_Ottobre 2021pdf / 1.16 Mb

Download

COVID-19 - Appello d'Emergenza UNICEF per l'ACT-A nel 2021_Marzo 2021pdf / 1.04 Mb

Download

COVID-19 - Appello d'Emergenza UNICEF per il 2021_Dicembre 2020pdf / 254 kb

Download

News ed Aggiornamenti