[/diritti/documenti/dettaglio.htm]
AREA

DIRITTI DELL'INFANZIA

Auguri dall'UNICEF a Filomena Albano, nuovo Garante nazionale per l'infanzia

Filomena Albano
Filomena Albano
4 marzo 2016 - Esprimiamo un sincero augurio di buon lavoro alla nuova Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Filomena Albano.

Molte le sfide da affrontare: in primo luogo la lotta alla povertà minorile, questione che da troppo tempo incide sulle possibilità di pieno sviluppo dell’infanzia nel nostro paese. Poi, una maggiore garanzia di diritti per i bambini migranti e rifugiati che fuggono da guerre e violenze nella speranza di trovare in Italia protezione. Inoltre, occorre garantire su tutto il territorio nazionale ai bambini e agli adolescenti maggiore equità nell'accesso ai servizi, senza alcuna discriminazione.

L’UNICEF Italia metterà a disposizione del nuovo Garante nazionale la propria collaborazione ed esperienza, che auspichiamo possa essere utile in un lavoro di rete con le istituzioni, per contribuire così a migliorare la condizione dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia. 

A 25 anni dalla ratifica della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell'adolescenza da parte dell'Italia,passi significativi devono essere ancora compiuti per l'attuazione dei diritti: sul piano normativo ma anche delle politiche e delle pratiche utilizzate.

Il nostro sentito ringraziamento va a Vincenzo Spadafora, primo Garante per l'infanzia, per il lavoro svolto.

(Giacomo Guerrera, Presidente dell'UNICEF Italia)

 
Filomena Albano, magistrato del Tribunale di Roma, è stata nominata ieri congiuntamente dal Presidente del Senato on. Pietro Grasso e dalla Presidente della Camera dei Deputati on. Laura Boldrini.
Albano è stata dal 2009 al febbraio 2016 rappresentante del Ministero della Giustizia in seno alla Commissione per le adozioni internazionali. Il suo mandato come Autorità Garante dell'infanzia e dell'adolescenza ha una durata di 4 anni.
L'Autorità Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza è un organo monocratico istituito dalla Legge n. 112 del 12 luglio 2011.