[/campagne/documenti/dettaglio.htm]
AREA

Bambini sperduti

UNICEF, Consorzio Sol.Co. e Fondazione Èbbene insieme per l'integrazione dei minori migranti in Sicilia

Da sinistra Francesco Passantino (consorsio Sol.co) , Edoardo Barbarossa (fondazione Èbbene), Anna Riatti e Giacomo Guerrera (UNICEF Italia) durante la firma del protocollo
31 maggio 2018 – Ieri, a Roma, Giacomo Guerrera, Presidente dell’UNICEF Italia, Anna Riatti, Coordinatrice Programma UNICEF per bambini migranti e rifugiati in Italia, Francesco Passantino, Presidente del Consorzio Sol.Co. – Rete di Imprese sociali siciliane e Edoardo Barbarossa, Presidente della Fondazione Èbbene, hanno firmato un protocollo di intesa a sostegno dei progetti di prima e seconda accoglienza in Sicilia per i minorenni migranti arrivati in Italia. 
 
Le parti si impegnano a collaborare per promuovere iniziative e percorsi di formazione, sensibilizzazione, ricerca e progettazione – aperti anche ai giovani italiani – che favoriscano l’integrazione dei bambini e giovani migranti arrivati nel nostro paese.
 
Attraverso le realtà già attive sul territorio siciliano del Consorzio Sol.Co. e della Fondazione Èbbene, l’UNICEF attraverso il suo Programma per i minori migranti e rifugiati in Italia si impegna a:
 
  • sostenere la formazione degli operatori nei Centri di accoglienza interessati, con affiancamento del personale dei centri nella realizzazione di attività di sostegno psicosociale, orientamento legale e sostegno di percorsi educativi individualizzati e con il supporto, laddove necessario, di consulenti con competenze idonee
  • favorire l’inclusione sociale dei bambini e adolescenti rifugiati e migranti attraverso strumenti già in corso di utilizzo quali la piattaforma di condivisione social U-Report on the Move e la piattaforma di E-Learning "Studiare Migrando" - nonché agevolando l’inserimento lavorativo dei ragazzi
  • Agevolare la partecipazione dei giovani dei centri di accoglienza ad attività ed eventi organizzati dal Programma UNICEF per i minori migranti e rifugiati e, in contesti più ampi, dall’UNICEF Italia.