[/unicefitalia/documenti/dettaglio.htm]
AREA

Ospedali Amici dei bambini

Il presidente dell'UNICEF Italia all'Ospedale di Reggio Calabria che inizia il percorso per diventare "Amico dei bambini"

Un momento della visita del Presidente dell'UNICEF Italia F. Samengo all'Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria - ©UNICEF Italia/2018
Un momento della visita del Presidente dell'UNICEF Italia F. Samengo all'Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria - ©UNICEF Italia/2018
21 dicembre 2018 – Oggi il Presidente dell’UNICEF Italia Francesco Samengo si è recato in visita presso l’Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria, che da poco ha avviato il percorso per il riconoscimento da parte dell’UNICEF di “Ospedale amico dei Bambini”

Il Presidente Samengo, nel portare i suoi saluti ai bambini e alle loro famiglie, è stato accolto dal direttore generale Frank Benedetto e da Luisa Pieragostini, primario del reparto di Pediatria. 

«Promuovere, proteggere e sostenere l’allattamento materno è un obiettivo di salute che ci deve vedere tutti impegnati, singoli cittadini, le strutture e gli operatori sanitari, coinvolgendo via via l’intero tessuto sociale, famiglie, gruppi di volontariato, il mondo dell’istruzione e dell’informazione, i soggetti politici e l’intera comunità. In questo modo proteggiamo la salute e il futuro dei nostri bambini e delle nostre società»  ha dichiarato il Presidente dell’UNICEF Italia. «Diventare un “Ospedale Amico” significa compiere una trasformazione dell'assistenza a mamme e bambini nel proprio punto nascita, applicando i “Dieci passi per la promozione, la protezione ed il sostegno dell'allattamento” e superando una serie di visite di valutazione. Sono sicuro che attraverso questo percorso l’Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria diventerà motore di un grande cambiamento per tutta la comunità.»

Attualmente sono 28 gli Ospedali e 7 le Comunità sanitarie locali che hanno ottenuto il riconoscimento da parte dell'UNICEF.  Il programma, attraverso la promozione dell’allattamento materno, sostiene e aiuta i servizi sanitari a migliorare le pratiche assistenziali rendendo protagonisti i genitori, sostenendoli nelle scelte per l’alimentazione e la cura dei bambini. 

Sono 65.000 ogni anno i bambini nati nelle strutture sanitarie riconosciute dall'UNICEF che hanno potuto usufruire di questo importante sostegno.