[/programmi/programma/documenti/dettaglio.htm]

Protezione dell'infanzia

Mutilazioni genitali, 200 milioni di donne ferite per sempre

A lei verrà risparmiata l'escissione: la banda colorata è il simbolo di
A lei verrà risparmiata l'escissione: la banda colorata è il simbolo di "Saleema", un programma di lotta alle MGF condotto dall'UNICEF in Sudan - ©UNICEF/UNI166467/Noorani
6 febbraio 2016 – Secondo un nuovo rapporto dell'UNICEF pubblicato oggi in occasione della Giornata ONU di Tolleranza Zero verso le Mutilazioni Genitali Femminili (FGM per l’acronimo inglese), sono almeno 200 milioni le donne e bambine, in 30 Stati di Asia e Africa,  che hanno subito mutilazioni genitali femminili.

Il rapporto, intitolato "Female Genital Mutilation/Cutting: A Global Concern" (Mutilazioni genitali femminili: un problema globale), evidenzia che metà delle bambine e delle donne che hanno subito tale pratica vivono in 3 soli paesi: Egitto, Etiopia e Indonesia.

Secondo i dati, tra le vittime delle mutilazioni, circa 44 milioni sono bambine e adolescenti con meno di 14 anni. L'incidenza maggiore del fenomeno in questa fascia d'età si riscontra in Gambia (56% delle bambine), Mauritania (54%) e in Indonesia, dove circa metà delle bambine sotto gli 11 anni hanno subito questo tipo di pratiche.

I paesi in cui è più alta la prevalenza delle MGF tra ragazze e donne adulte (dai 15 ai 49 anni) sono rispettivamente: Somalia (98%), Guinea (97%) e Gibuti (93%).

In generale, nella gran parte dei paesi in cui il fenomeno sussiste, le MGF vengono praticate di norma sulle bambine sotto i 5 anni.
 
 

Dai governi coinvolti dati più affidabili

Le stime contenuto nel nuovo rapporto globale sulle MGF riportano una cifra superiore di 70 milioni rispetto a quelle dell'analogo rapporto dello scorso anno (su dati 2014). Questa differenza è dovuta in parte alla crescita demografica, ma soprattutto ai dati più aggiornati e affidabili forniti dagli Stati coinvolti dal fenomeno, in particolare dal governo dell'Indonesia.

Ora che è disponibile un maggior numero di dati sulla diffusione delle FGM, le stime sul numero totale di donne che le subiscono appare in aumento. Nel 2016, sono 30 gli Stati che hanno fornito dati rappresentativi a livello nazionale.
 
«Le MGF differiscono a seconda delle regioni e delle culture, con alcune forme che possono mettere a rischio la vita di chi le subisce» spiega Geeta Rao Gupta, Vicedirettore dell’UNICEF. «Qualunque forma assumano, le MGF violano sempre i diritti delle bambine, delle ragazze e delle donne. Tutti - governi, operatori sanitari, leader comunitari e famiglie – dobbiamo accelerare i nostri sforzi per eliminare definitivamente queste pratiche.»
 
«Determinare con precisione la diffusione delle MGF è fondamentale, per contrastarle. Quando i Governi raccolgono dati e statistiche a livello nazionale sulle FGM, hanno gli strumenti per comprendere la dinamica del fenomeno e intensificare gli sforzi per proteggere i diritti di milioni di ragazze e donne.» 
 

Disapprovazione sociale e demografia, spinte contrapposte

La buona notizia è che la mobilitazione sociale contro le mutilazioni genitali femminili sta crescendo. I tassi di prevalenza delle MGF fra le adolescenti (15-19 anni) sono in calo rispetto a 30 anni fa: -41% in Liberia, -31% nel Burkina Faso, - 30% in Kenya e - 27% in Egitto.

Dal 2008 a oggi, oltre 15.000 comunità locali in 20 Stati hanno dichiarato pubblicamente l'abbandono delle MGF, oltre 2.000 comunità solamente nel 2015. Inoltre, 5 Stati hanno varato leggi nazionali per la messa al bando della pratica.

Le indagini rivelano una crescente disapprovazione sociale nei confronti delle MGF: la maggioranza delle persone, nei paesi per i quali esistono dati, ritengono che questa pratica dovrebbe finire. Dettaglio non secondario, a pensarlo sono circa due terzi dei ragazzi e degli uomini intervistati.

Tuttavia, l'attuale tasso di abbandono delle mutilazioni genitali non è abbastanza elevato da controbilanciare la crescita della popolazione, e quindi i casi assoluti di MGF rischiano di aumentare nei prossimi 15 anni.

L’UNICEF coordina insieme al Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA) il più vasto programma al mondo per l’eliminazione delle FGM - il Joint Programme on Female Genital Mutilation/Cutting.
 
L'eliminazione delle MGF è inclusa fra gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile gli impegni che la comunità internazionale ha solennemente assunto nel settembre scorso, e che dovranno essere raggiunti entro il 2030.


 
 
Scarica

"Rapporto UNICEF "FMG/C: A Global Concern" (2016)"

scarica pdf (248 kb)