Catania

Cittadinanza onoraria per i bambini di origine straniera a Riposto (CT)

2 minuti di lettura

24/06/2013

 

Sabato 25 maggio 2013, presso la Sala del Vascello del Comune di Riposto (CT), il Sindaco Carmelo Spitaleri, su proposta del Comitato provinciale per l'UNICEF di Catania presieduto da Vincenzo Lorefice,  ha conferito la cittadinanza onoraria (del. Giunta Comunale n° 103 del 19/11/2012) a 96 bambini, ragazzi e adolescenti, nati da genitori stranieri e residenti a Riposto.

Nella pergamena, incorniciata in un disegno originale di Lucia Scuderi, illustratrice catanese nota in ambito nazionale e internazionale (che lo stesso giorno dell’evento riceveva, a Genova, il Premio Andersen, quale migliore illustratrice italiana del 2013) si legge che la nomina “rappresenta la conferma di quanto il sentimento dell’accoglienza sia fortemente radicato nell’animo dei ripostesi e di come sia sempre stato condiviso l’impegno della città ad attuare politiche di inclusione sociale, nel rispetto delle diversità etniche, culturali e religiose”.

Il documento, personalizzato per ciascun nuovo “giovane cittadino”, auspica che egli “possa sentirsi libero di condividere, nella pratica del dialogo, la conoscenza reciproca e l’incontro delle diverse culture, ed esprimere e valorizzare, in piena libertà, la propria identità culturale, patrimonio di umanità, di storia e di tradizioni dei suoi genitori”,  e richiama l'attenzione della società civile e del Parlamento italiano “sull’ineludibilità dell’impegno assunto verso tutti i minori ai quali devono essere riconosciuti gli stessi diritti sanciti dalla Convenzione ONU sui Diritti dell'infanzia e dell'adolescenza (1989), ratificata dall’Italia nel 1991" e auspica che “si arrivi presto ad una revisione dell'attuale Legge 91/1992 sull’acquisizione della Cittadinanza italiana, che sia rispondente agli standard condivisi a livello internazionale in materia di diritti umani fondamentali, e si ponga fine alla discriminazione verso i minorenni di origine straniera che sono nati o vivono in Italia”.

All’iniziativa, resa ancora più toccante e fortemente sentita grazie alle calorose testimonianze di affetto dei compagni di classe degli insigniti, oltre al Sindaco e al presidente dei volontari etnei dell'UNICEF, erano presenti numerosi genitori, il dirigente scolastico Cinthia D’Anna e la volontaria Saurina Gòmez, responsabile per la promozione e mediazione interculturale con istituzioni e privati del Comitato Provinciale per l'UNICEF di Catania.

24/06/2013

News locali correlate

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800914249

Chiama