Sostienici

Aziende

Insieme possiamo costruire grandi imprese

L’UNICEF è orgoglioso di collaborare con aziende multinazionali, nazionali e medio-piccole per costruire insieme partnership vincenti. Queste alleanze permettono all’UNICEF di salvare e proteggere milioni di bambini in tutto il mondo e ai partner di creare valore aziendale tangibile e scalabile.
Visitando questa sezione del sito sarà possibile trovare molti spunti su come collaborare con noi ed esempi e testimonianze speciali di chi è già al nostro fianco.
Scopri come anche la tua azienda può aiutarci a costruire grandi imprese e contattaci, il nostro team è pronto a lavorare a un percorso condiviso pensato per rispondere ai bisogni di ogni singola impresa, perché si possano conciliare esigenze strategiche e impegno sociale.

Co-branded partnership

Realizza con noi la tua campagna co-branded e di Cause Related Marketing

Sponsorizza un evento

Supporta un’iniziativa o un evento UNICEF

Supportaci nelle emergenze

Supporta l’UNICEF in situazioni straordinarie

Coinvolgi i tuoi dipendenti

Coinvolgi i dipendenti in attività di raccolta fondi e di engagement

Responsabilità sociale d'impresa

Agisci insieme all’UNICEF per i diritti dei bambini e dei ragazzi

Regali solidali

Fai un regalo solidale che aiuta i bambini

Da oltre 70 anni

L’UNICEF riconosce il ruolo fondamentale delle aziende per i diritti dei bambini

2,9milioni

euro donati dalle aziende nel 2019

290mila

bambini supportati grazie ai partner

31aziende

hanno scelto di sostenere l'UNICEF nel 2019

Programmi speciali

Non dobbiamo dimenticarci che senza bambini non c’è futuro!

Andrea Panconesi, founder LuisaViaRoma

al nostro fianco

I nostri partner

Moncler

Dal 2017 Moncler è partner dell’UNICEF con la campagna “The WarmlyMoncler” attraverso la quale l’azienda si impegna a supportare bambini vulnerabili che vivono in luoghi caratterizzati da condizioni climatiche estreme. Nel 2018, Moncler ha scelto di intensificare il proprio impegno con una campagna globale online e offline a supporto del programma Winterization dell’UNICEF.

Scopri di più

GENERALI

Dal 2019 Generali Foundation, The Human Safety Net, sostiene il programma “Early Childhood Development” dell’UNICEF in Vietnam supportando percorsi di formazione rivolti ai genitori più vulnerabili utili a garantire ai propri figli pari opportunità nella vita.

LuisaViaRoma

Dal 2018 LuisaViaRoma è Main Sponsor del Summer Gala for UNICEF organizzato nella splendida cornice di Porto Cervo in Sardegna. I fondi raccolti durante la serata vengono destinati per finanziare i progetti dell’UNICEF a favore dei bambini nel mondo. Nel 2020 LuisaViaRoma ha supportato l’UNICEF nella risposta all’emergenza Covid-19 nel mondo tramite l’organizzazione di un evento benefico a Capri e con l’iniziativa “Thank You Heros” in  collaborazione con Mattel.

Pandora

Dal 2019 Pandora è un partner globale dell’UNICEF.
Attraverso campagne di comunicazione e alcuni charms dedicati all’UNICEF, la collaborazione sta finanziando percorsi di formazione e programmi a supporto dell'empowerment femminile.

EasyJet

Dal 2012 EasyJet collabora con l’UNICEF attraverso la campagna di raccolta fondi “Change for Good" a bordo di tutti i suoi voli durante il periodo pasquale e natalizio: la compagnia aerea invita i propri passeggeri a donare per i programmi dell’UNICEF, in particolare per garantire un’educazione di qualità a tutti i bambini che si trovano in emergenza.

Louis Vuitton

Nel 2016, UNICEF e Louis Vuitton hanno siglato un’alleanza globale a sostegno dei bambini in emergenza con la campagna #Makeapromise. Simbolo di questa speciale partnership è il braccialetto con il Lucchetto Silver Lockit, un prodotto speciale il cui design viene ogni anno rinnovato e disponibile in tutte le boutique Louis Vuitton e online sul sito della Maison.

MSC Crociere

Dal 2009 MSC Crociere raccoglie fondi a favore dell’UNICEF a bordo delle sue navi grazie al coinvolgimento dei suoi ospiti attraverso l'iniziativa "Get on board for children". Inoltre MSC Crociere organizza attività di "edutaiment" per i bambini e i loro genitori sul tema della malnutrizione.

Tempo

Tempo supporta l’UNICEF attraverso la nuova limited edition 2020/2021 dei Box Tempo realizzata in collaborazione con il marchio di moda Blumarine, con l’obiettivo di supportare gli Innovation Labs in Libano e garantire a giovani siriani, palestinesi e libanesi ad alto rischio di vulnerabilità un percorso di apprendimento alternativo che offra loro la possibilità di diventare volano di cambiamento per le loro comunità.

Foxy

Dal 2002 Foxy sostiene il progetto "Adotta una Pigotta" attraverso campagne pubblicitarie su TV-stampa-Internet, comunicazione dedicata sulle confezioni di prodotti e coinvolgimento dei suoi consumatori con attività mirate. Durante l’emergenza Coronavirus, FOXY ha deciso di essere al fianco dell’UNICEF con una donazione per acquistare i dispositivi sanitari necessari agli operatori sanitari in prima linea e lanciando un nuovo spot TV dedicato all’UNICEF.

Schwarkopf

Nel 2020 Schwarzkopf lancia la campagna “HEADS - La libertà inizia dalla testa” con testimonials d’eccezione e sceglie di destinare una parte del ricavato della vendita di tutti i prodotti del brand in favore di UPSHIFT, il programma dell’UNICEF di inclusione sociale e di inserimento lavorativo di giovani e adolescenti vulnerabili in Italia. Il brand di Henkel Italia ha così aiutato l’UNICEF nel formare fino a 50 ragazze e a finanziare fino a 5 start up al femminile.

Stroili Oro

Per la campagna di Natale 2020 Stroili Oro ha scelto di sostenere l’UNICEF nel continuare a garantire un’istruzione di qualità ai bambini che si trovano in situazioni di emergenza. In tutti gli store Stroili Oro e sul website del brand, durante il periodo natalizio, è possibile acquistare i biglietti di auguri dedicati all’iniziativa.

Corriere della Sera

In occasione del Natale 2020, lo storico quotidiano italiano Corriere della Sera sostiene i programmi di lotta contro la malnutrizione dell’UNICEF, grazie alla vendita sul territorio nazionale di un esclusivo calendario dell’avvento a tema diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Wella

Il brand professionale nella cura dei capelli ritorna in Italia con la proposta di una formazione professionale per diventare parrucchiere rivolta ai giovani vulnerabili, per donar loro un’opportunità e cambiare la propria vita e il proprio futuro.

Lavazza

Nel 2019 il Gruppo Lavazza ha finanziato il reportage fotografico FOMO, un’iniziativa all’interno del progetto NextGen UNICEF Italia. L’edizione 0, uscita in edicola con Vanity Fair numero 51, è dedicata ai giovani libanesi e ai rifugiati siriani e palestinesi vulnerabili che vivono in Libano e frequentano gli UNICEF Labs.

Banor

Banor Capital è a fianco dell’UNICEF nella lotta alla mortalità infantile. Banor ha deciso di sostenere l’UNICEF grazie a una devoluzione di una percentuale delle commissioni legate alla nuova classe UNICEF del fondo Banor SICAV Euro Bond Absolute Return. Inoltre, Banor nel 2020 ha risposto all’appello dell’UNICEF sull’emergenza Coronavirus in Italia.

H&M

Dal 2003 H&M e la H&M Foundation sono a fianco dell’UNICEF a supporto dei diritti degli under 18. Dal 2017 l’impegno di H&M è diretto ai programmi dell’UNICEF per la sopravvivenza e lo sviluppo della prima infanzia con l’obiettivo di raggiungere più di 145.000 bambini, genitori e formatori nel Timor-Leste, in Egitto in Mali e in Vietnam.

IKEA

Da oltre 17 anni IKEA, è partner dell’UNICEF per garantire il diritto al gioco e allo studio dei bambini più vulnerabili (inclusi quelli colpiti da crisi umanitarie). In Italia, IKEA è al fianco dell’UNICEF nella promozione dell'allattamento al seno tramite la rete dei "Baby Pit Stop" e ospitando i dialogatori dell’UNICEF nei suoi punti vendita.

Pril & Nelsen

I marchi della multinazionale Henkel, Pril e Nelsen, sostengono i programmi per la nutrizione dell’UNICEF. Dal 2019, con l’obiettivo di combattere la malnutrizione, Pril e Nelsen contribuiscono a garantire pasti sani per i bambini: per ogni confezione di prodotto riportante il logo dell’UNICEF, Henkel dona un contributo per un pasto sano ai bambini più vulnerabili.

UBI Banca

Il gruppo UBI Banca, grazie alla devoluzione di una percentuale sulle fee del prodotto d’investimenti UBI SICAV SOCIAL 4 FUTURE, ha supportato il progetto in Libano “Youth & Innovation”, per favorire la formazione e l’inserimento di giovani nel mondo del lavoro. UBI SICAV SOCIAL 4 FUTURE è una soluzione di investimento di tipo bilanciato con criteri di selezione degli investimenti che perseguono obiettivi di sviluppo sostenibile (ECPI Global Megatrend Strategy Index: mercati emergenti, scarsità di risorse, cambiamenti climatici e dinamiche della popolazione).

Agos

Da oltre 10 anni Agos supporta l’UNICEF devolvendo una parte della quota associativa di ogni nuovo titolare di “Carta Attiva for Children” a favore del programma sulla mortalità infantile e materna in Sierra Leone salvando milioni di bambini e le loro mamme.

Lego

Dal 2015 il Gruppo Lego, la Lego Foundation e l’UNICEF collaborano per migliorare la vita dei bambini attraverso un’istruzione di qualità e il gioco, nonché promuovendo i Children’s Rights and Business Principles, strumento attraverso il quale le aziende guardano al proprio business in una prospettiva più completa, per lavorare in ottica di tutela dei diritti di bambini e ragazzi.

Montblanc

Dal 2004 Montblanc supporta l’UNICEF con una campagna globale “Montblanc for UNICEF collection” fine di garantire l’accesso ad un’istruzione di qualità ai bambini più vulnerabili nel mondo. Diverse sono le iniziative lanciate da Montblanc nella lotta contro l’analfabetizzazione, tra queste, la più importante è la collezione di prodotti della Maison cui parte del ricavato è destinato all’UNICEF.

Chloè

Nel 2020 il famoso brand di moda ha annunciato il suo impegno per l’UNICEF tramite la campagna “Girls Forward” e una capsule dedicata con l’obiettivo di raggiungere oltre 6,5 milioni di ragazze e supportarle nel loro futuro professionale. La collaborazione include iniziative che forniscono competenze digitali e tecnologiche, spirito imprenditoriale ed empowerment personale.

P&G

Dal 2006 Procter&Gamble affianca l’UNICEF a favore dei diritti dei bambini attraverso diverse attività rivolte alla clientela che coinvolgono i brand del gruppo, ma anche attraverso il coinvolgimento e la formazione dei propri dipendenti in ottica di diritti degli under 18.

Garnier

Garnier è diventato partner dell’UNICEF nel 2018. All’interno della Partnership multi-countries l’azienda ha lanciato l’iniziativa “Back-to-school” in tutta Italia: per ogni prodotto della linea Ultra Dolce acquistato sono stati raccolti fondi per regalare un giorno di scuola ad un bambino in Yemen, Bangladesh, Giordania, India e Messico.

Clé de Peau Beauté

Clé de Peau Beauté sostiene l’UNICEF per garantire alle bambine e alle ragazze più vulnerabili l’accesso a competenze scientifiche, tecnologiche, ingegneristiche e matematiche (STEM) in Bangladesh, Kirghizistan e Niger. Attraverso la campagna “Unlock the power of Girls” Clé de Peau Beauté dona una parte delle vendite del suo prodotto Le Serum all’UNICEF per liberare il potere delle bambine e delle ragazze del mondo.

EasyWelfare

Nel 2019 EasyWelfare ha scelto di supportare il progetto dell’UNICEF degli Innovation Labs in Libano per garantire a centinaia di adolescenti siriani, palestinesi e libanesi ad alto rischio di vulnerabilità un percorso di apprendimento alternativo e innovativo che permetta loro una maggiore integrazione sociale e l’avviamento al lavoro.

Mediobanca

Mediobanca sostiene l’UNICEF grazie alla devoluzione di una percentuale del NAV del Fondo Social Impact. Il fondo sostiene in modo continuativo l’attività dell’UNICEF e Mediobanca SGR riduce la commissione di gestione, rispetto al mercato di riferimento, per permettere un prelievo dal patrimonio del fondo a favore dei programmi di lotta alla mortalità infantile nel mondo.

RCM

Raiffeisen Capital Management (RCM) è a fianco dell’UNICEF sostenendo il progetto in Bangladesh contro i cambiamenti climatici. RCM ha voluto rendere più concreto il proprio approccio sostenibile, impegnandosi a finanziare il progetto devolvendo all’UNICEF una percentuale delle commissioni percepite dai clienti.

E-commerce

I regali solidali dell'UNICEF

Fai un regalo speciale ai tuoi clienti, dipendenti, e fornitori. Scegli un regalo che cambia il futuro, un prodotto o i biglietti dell’UNICEF coloratissimi e personalizzabili.

1 / 3

Benefici fiscali

Le erogazioni liberali della tua azienda all'UNICEF, oltre ad aiutare i bambini e a comunicare l'immagine solidale della tua azienda all'esterno, sono deducibili fiscalmente.

Le erogazioni liberali a esso effettuate con qualsiasi mezzo di pagamento, a esclusione di quelle in contanti, godono dei seguenti benefici fiscali nei limiti e alle condizioni previste dalle vigenti normative:

  • Sono deducibili, per un importo non superiore al 2% del reddito d’impresa dichiarato (art. 100 c. 2 lettera a del D.P.R. 917/86), le erogazioni liberali effettuate a favore del Comitato Italiano per l’UNICEF - Fondazione Onlus quale ONG
  • Sono deducibili, per un importo non superiore a 30.000 euro o al 2% del reddito d’impresa dichiarato (art.100, comma 2, lettera h del D.P.R. 917/86), le donazioni in denaro effettuate a favore del Comitato Italiano per l’UNICEF - Fondazione Onlus quale ONLUS
  • Sono deducibili, nel limite del 10% del reddito dichiarato senza più il limite massimo di 70.000 € (art. 83 comma 2 D.lgs. 117/2017 - Codice del Terzo Settore), le liberalità in denaro o in natura erogate a favore del Comitato Italiano per l’UNICEF - Fondazione Onlus quale ONLUS.  Qualora la deduzione fosse di ammontare superiore al reddito complessivo dichiarato, diminuito di tutte le deduzioni, l'eccedenza può essere computata in aumento dell'importo deducibile dal reddito complessivo dei periodi di imposta successivi, ma non oltre il quarto, fino a concorrenza del suo ammontare.

I benefici non sono cumulabili tra loro.

News ed Aggiornamenti

Un vaccino anti COVID-19 per tutti con la Rete del Dono

Scopri di più