Messina

Gli studenti dell’ITET "G.Tomasi Di Lampedusa" di Sant'Agata di Militello (ME) hanno realizzano le pigotte, al fianco dell'Unicef contro la mortalità infantile

2 minuti di lettura

24/03/2022

Ancora una volta l’ITET  "G. Tomasi di Lampedusa" di Sant'Agata di Militello - Tortorici,  diretto dalla Dirigente Scolastico, Professoressa Antonietta Emanuele, si trova a fianco dell’UNICEF per la lotta alla mortalità infantile.

I docenti del settore Calzatura Moda dell’Istituto, già in occasione del 20 Novembre, Giornata Internazionale dell’infanzia, avevano sviluppato, con i propri studenti, un percorso didattico mirato alla conoscenza della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e delle attività dell’UNICEF.

Gli studenti coordinati e sotto la supervisione  delle docenti: Elisabetta Ferro, Maria Ferro e Teresa Carrara, in collaborazione con Angela Rizzo Faranda, Presidente Provinciale UNICEF per il Comitato di Messina, hanno realizzato le “Pigotte”.
L’ITET ha adottato, come negli anni trascorsi, questo progetto, per creare un sentiero di solidarietà e un cordone di speranza per i bambini, dei paesi in difficoltà.

La Pigotta, bambola ufficiale dell’UNICEF, fin dal 1999, è una bambola speciale, unica, diversa da tutte le altre perché salva la vita di un bambino, che, in un paese in via di sviluppo, aspetta il nostro aiuto.
Adottando una Pigotta, infatti,  si  permette all’UNICEF,  con un'offerta minima di 20 euro,  di fornire interventi mirati e un  Kit Salvavita.

Gli studenti si sono impegnati, in una vera e propria gara di solidarietà, con amore e creatività, ideando Pigotte eleganti e dai visi divertenti e sorridenti. Alcune Pigotte, sono state adottate a scuola, altre, sono state esposte nelle vetrine di alcune attività commerciali dei paesi dei Nebrodi, per essere ammirate, in attesa di essere adottate dai passanti.

I comuni interessati sono stati: Acquedolci, Capo d'Orlando, Longi, Mirto, Mistretta, Rocca di Caprileone, San Fratello, Sant’Agata di Militello, Santo Stefano di Camastra e Tusa.

Ogni Pigotta ha aperto un cerchio di solidarietà che ha coinvolto l’alunno che ha realizzato la bambola, la famiglia che l’ha adottata e il bambino bisognoso. Docenti e studenti  hanno adottato le bambole solidali e quelle esposte nelle vetrine hanno trovato casa con successo.
I proventi, sono stati devoluti all’UNICEF e destinati alla campagna “Vacciniamo il Mondo”

Nelle foto sono ritratte alcune Pigotte ideate e realizzate dagli studenti, alcune delle fasi di lavorazione e l’esposizione delle Pigotte nelle vetrine dei negozi

24/03/2022

News locali correlate

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama