Messina

Messina e Provincia festeggiano 75 anni di storia in difesa dei bambini

3 minuti di lettura

10/01/2022

Il 2021 ha segnato il 75° anniversario della nascita dell’UNICEF. Nel corso dell'anno, il Comitato Provinciale di Messina per l’UNICEF, presieduto d Angela Rizzo Faranda, ha  celebrato questo evento con iniziative che hanno ripercorso la storia dell’Organizzazione internazionale: una storia di difesa dei diritti dei bambini: alla sopravvivenza, alla salute e all'istruzione, di protezione dei bambini: dai conflitti, dalle malattie e dall'esclusione.

L’11 dicembre 2021 è stata una data importante per l’UNICEF e per questa ricorrenza il Comitato Provinciale di Messina ha chiesto ai Sindaci e alle Amministrazioni Comunali di illuminare un monumento di blu ed esporre la bandiera UNICEF. A Sinagra è stata illuminata la fontana della villa comunale e a Messina la fontana senatoria. I Sindaci di Messina e Letojanni, nell’accogliere le due richieste, hanno ribadito il sostegno e l’impegno per la promozione del benessere dei bambini, dei ragazzi e degli adolescenti delle loro città.

La bandiera dell’UNICEF è stata esposta sul prospetto del Palazzo Comunale di Messina e sul balcone del Comune di Letojanni, con l’ausilio di alcune delegazioni dei Vigili del Fuoco e dell’Associazione Nazionale Vigili Del Fuoco del Corpo Nazionale, alla presenza della Presidente Provinciale UNICEF, Angela Rizzo Faranda e della Dott.ssa Davì del Gabinetto del Sindaco, a Messina, e a Letojanni, alla presenza del Sindaco Alessandro Costa e della Vicepresidente del Consiglio Comunale, Francesca Gullotta, collaboratrice del Comitato UNICEF di Messina.

La bandiera è rimasta esposta fino alla fine del 2021. Ventidue Istituzioni Scolastiche, di Messina e provincia, iscritte al Progetto UNICEF-MIUR “Scuola amica dei bambini, delle bambine e dei ragazzi”, guidati con passione, dai Docenti Referenti e dai Docenti di classe, hanno aderito all’iniziativa, proposta dall’UNICEF ITALIA: “La staffetta dei diritti.. esprimi un desiderio” inviando i loro desideri inerenti ai diritti dei bambini, all’ufficio scuola di Roma e al Comitato di Messina. Gli elaborati sono stati pubblicati sul sito dell’UNICEF e sulla pagina facebook del Comitato di Messina.

In occasione dell’11 dicembre, gli alunni e gli studenti hanno espresso, anche in rime, i loro desideri, i loro sogni e le difficoltà che incontrano nella quotidianità rispetto alle limitazioni imposte dalla pandemia.  Le loro riflessioni sono state raccolte tramite video, cartelloni, elaborati artistici ed iconici e pubblicati sulla pagina facebook del Comitato e sui siti delle scuole partecipanti.

Per tutta la settimana, gli studenti, all’interno dei plessi, hanno istituito delle giornate a tema: i diritti (Vaccini/Nutrizione/Salute) la non violenza,  la memoria, la gentilezza, il sorriso, il dono, la non discriminazione, l’accoglienza, la disabilità, i cambiamenti Climatici, salute mentale e la storia dell’UNICEF.

Hanno curato l’angolo della poesia inedita, dei linguaggi non verbali, come  la musica, esibendosi in piccoli gruppi, in concerti corali e strumentali. Gli studenti delle scuole di Messina hanno affidato al Comitato UNICEF, le loro richieste, che, raccolte in un dossier, dalla Presidente sono state proposte, dalla stessa, insieme ad una delegazione di studenti e docenti, al Sindaco, all’Assessore all’Istruzione, Gallo, alle politiche sociali Calafiore e alla stampa nella persona della giornalista, Laura Simoncini.

I politici li hanno ascoltati e si sono impegnati ad esaudirli, mentre la stampa e le TV locali hanno dato ampia risonanza e divulgazione all’iniziativa. A Stersa di Riva una delegazione della Scuola Primaria, con la Dirigente, la Referente del Progetto e alcuni docenti, sono stati ricevuti, dal sindaco Lo Giudice e dagli assessori Miano e Sigillo, ai quali, gli alunni hanno espresso i loro “desideri” che i rappresentanti istituzionali,  si sono impegnati a prendersene carico. Gli Studenti del Liceo di S. Tersa di Riva, provenendo da vari paesi, hanno inviato le loro proposte ai sindaci dei propri comuni di residenza, con esplicita richiesta di essere esauditi. 

10/01/2022

News locali correlate

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama