Siracusa

A Siracusa la prima tappa de "Velanzignu, un viaggio nel Mediterraneo"

3 minuti di lettura

15/07/2014

Ha fatto tappa a Siracusa il 10 luglio 2014 il progetto di educazione ambientale rivolto ai bambini e giovani “Velanzignu, un viaggio nel Mediterraneo– 1^ Tappa Sicilia”. Il benvenuto a Siracusa è stato dato dal Vice-Sindaco Francesco Italia e da Carmela Pace, Presidente del Comitato Provinciale e Consigliere Nazionale UNICEF. Presenti alla manifestazione gli Assessori Comunali all’Infanzia Silvana Gambuzza ed alle Politiche Scolastiche Valeria Troia, il Presidente del Quartiere Grottasanta Pamela La Mesa, per il “Gruppo Mamme Siracusa” Concy Nucifora e Cettina Cianci, la Segretaria del comitato UNICEF di Siracusa Pina Cannizzo e l’Addetto Stampa del comitato UNICEF siracusano Angelica Romano


Luca Cerro, del Gruppo “La Gioia dei bambini”, ha raccontato ai numerosi bambini, riuniti in un angolo del Parco giochi di Marinaretti, una favola, ambientata nel 2050, nella quale un vecchio gabbiano ed un giovane delfino confrontano la situazione ambientale di Siracusa odierna con quella del futuro nella quale hanno trovato, finalmente, soluzione le problematiche dell’inquinamento ambientale, dei rifiuti, della mobilità, delle fonti energetiche ed anche dell’acqua con l’attivo coinvolgimento anche dei bambini. 

A seguire, negli adiacenti ed accoglienti locali del CircoloVelico Ribellino, in Via Senatore Gaetano Moscuzza 1, è stato presentato e proiettato un video da Enrichetta Fiorello, Presidente di “Velanzignu” e da Antonello Salamone, suo Vice. Un messaggio per la vita volto a sensibilizzare al rispetto dell’ambiente, del mare, del suolo, cercando di avviare un processo di cambiamento nei comportamenti partendo dai giovani che sempre più numerosi accolgono le nostre iniziative. 

A conclusione della manifestazione, i bambini presenti hanno inserito, su invito di Enrichetta Fiorello, un loro messaggio di speranza all’interno della Bottiglia del futuro, che non verrà abbandonata in mare - come è consuetudine diffusa -, ma si sposterà realmente di porto in porto a bordo della barca a vela, accogliendo al suo interno tutti i messaggi dei ragazzi che incontrerà lungo la sua rotta nel Mediterraneo, di cui la Sicilia costituisce la prima tappa. 

L’iniziativa, che coinvolge in tutto 7 Provincie in Sicilia - Palermo, Catania, Messina, Palermo, Trapani, Ragusa e Siracusa - toccate dal passaggio di una barca a vela, è dell’associazione “Velanzignu”. Vede tra i promotori anche UNICEF, come ha evidenziato Carmela Pace: «UNICEF si riconosce pienamente nella finalità del progetto, cioè quella di motivare i giovani ad assumere nuovi stili di vita più sostenibili a scuola, a casa, nella attività del tempo libero e dello sport ed ha, pertanto, deciso di sposare l’iniziativa». 

La tappa siracusana ha previsto anche una sosta di “Velansignu” a Rosolini, anch’essa molto apprezzata e partecipata. Altri partners del progetto “Velanzignu” sono le Capitanerie di Porto Provinciali, la Guardia Costiera e la Lega Navale Italiana.

15/07/2014

News locali correlate

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800914249

Chiama