[/paesi/emergenze/documenti/dettaglio.htm]
AREA

emergenze

Siria, la tragedia dei bambini di Al-Hol: altri 8 decessi negli ultimi giorni

Un'operatrice di un team sanitario mobile dell'UNICEF somministra una vaccinazione a una bambina nel campo di Al-Hol, nel nord-est della Siria - ©UNICEF/UN0327927/Hawas
Un'operatrice di un team sanitario mobile dell'UNICEF somministra una vaccinazione a una bambina nel campo di Al-Hol, nel nord-est della Siria - ©UNICEF/UN0327927/Hawas
14 agosto 2020 - L'UNICEF è profondamente allarmato dalla notizia della morte di 8 bambini sotto i cinque anni nel campo per sfollati di Al Hol, nel nord-est della Siria, in meno di una settimana.

I decessi sono avvenuti tra il 6 e il 10 agosto. Quattro sono stati causati da complicazioni legate alla malnutrizione. Gli altri erano dovuti a disidratazione per diarrea, insufficienza cardiaca, emorragie interne e ipoglicemia.

La morte di ogni bambino è una tragedia. Lo è ancora di più quando avviene per cause banali ed evitabili..

Quasi 40.000 minorenni di oltre 60 diverse nazionalità continuano a languire nel campo di Al Hol. Non hanno accesso ai servizi di base e devono affrontare il caldo torrido dell'estate, che si somma ai traumi delle violenze e dello sfollamento.

Il COVID-19, con le conseguenti restrizioni ai movimenti e le misure di quarantena che ne derivano, sta peggiorando ulteriormente una situazione già critica. 

I recenti contagi tra gli operatori del campo hanno provocato la sospensione di alcuni servizi sanitari e scolastici, e una temporanea riduzione del numero di lavoratori che operano nel campo. La ripresa dei servizi sanitari e nutrizionali e le altre forme di assistenza sono della massima priorità.

Nonostante queste limitazioni, l'UNICEF e le organizzazioni partner continuano a fornire servizi essenziali come il trasporto dell'acqua e i servizi sanitari, nutrizionali e di protezione dell'infanzia. 

Stiamo inoltre aiutando i volontari delle comunità ospiti del campo a portare avanti iniziative di prevenzione e sensibilizzazione per il contrasto del COVID-19.

Tuttavia, ciò di cui c'è bisogno è una soluzione a lungo termine, che attendiamo da tempo. I bambini di Al Hol, come tutti i bambini colpiti dal conflitto siriano, hanno diritto all'assistenza umanitaria. 

Coloro che sono nati da cittadini stranieri [molti dei minorenni nel campo sono trattenuti in quanto figli di ex combattenti dell'ISIS] hanno il diritto di essere protetti, anche attraverso l'assistenza legale, il ricongiungimento familiare e il rimpatrio nei rispettivi Paesi d'origine, qualora ciò sia nel loro interesse. 

Tutti i bambini hanno anche il diritto di essere tutelati dagli effetti devastanti che la pandemia sta avendo sulla loro sopravvivenza, sul loro apprendimento e sui loro diritti umani.
 
(Dichiarazione di Henrietta Fore, Direttore esecutivo dell'UNICEF)