[/campagne/documenti/dettaglio.htm]
AREA

Minorenni migranti e rifugiati

UNICEF: priorità a protezione dei bambini dopo l'incendio del campo profughi a Lesbo (Grecia)

L'incendio che ha devastato il campo profughi di Moria nell'isola di Lesbo (Grecia) - ©UNICEF/UNI367861/Lagoutaris/AFP
L'incendio che ha devastato il campo profughi di Moria nell'isola di Lesbo (Grecia) - ©UNICEF/UNI367861/Lagoutaris/AFP
9 settembre 2020 - L'UNICEF esprime la sua più profonda solidarietà ai rifugiati e ai migranti colpiti dall'incendio nel campo profughi di Moria nell'isola di Lesbo (Grecia) ed si dichiara pronto ad aiutare ad affrontare i bisogni immediati degli oltre 4.000 minorenni ospitati nella struttura, con particolare attenzione per i 407 minorenni non accompagnati, in condizioni estremamente vulnerabili.

Ringraziamo le autorità locali e i soccorritori di prima linea che hanno lavorato tutta la notte per affrontare la crisi.

La pandemia di COVID-19 rende ancora più complessa e urgente l'attuazione di un intervento di risposta rapido e sicuro.

Insieme ai nostri partner, abbiamo trasformato in un rifugio di emergenza il centro Tapuat - struttura creata dall'UNICEF nei pressi del campo di Moria, l'unica che offre attività educative ai bambini del campo. 

Tapuat potrà ospitare temporaneamente i soggetti più vulnerabili, fra cui i minorenni non accompagnati (ve ne sono già oltre 150), le donne incinte e altre persone con esigenze speciali, fino a quando non saranno identificate delle soluzioni alternative. 

La priorità dell'UNICEF è di garantire l'immediata messa in sicurezza e la protezione dei bambini e degli adolescenti, in coordinamento con il Governo greco, con il Segretario Speciale per la Protezione dei Minorenni non accompagnati, con le autorità locali e con i nostri partner - le altre agenzie delle Nazioni Unite e le ONG. 

Gli eventi di ieri sera servono a ricordare con forza l'urgente necessità di un Patto UE sulle Migrazioni che sia umanitario, a misura di bambino, rispettoso del diritto di ogni bambino, in qualsiasi parte dell'Europa, alla protezione e a servizi adeguati.