[/diritti/documenti/dettaglio.htm]
AREA

DIRITTI DELL'INFANZIA

"Il futuro siamo noi": al Festival del Cinema di Roma un film sui bambini che non si arrendono

17 ottobre 2020 - Approda alla Festa del Cinema di Roma "Il futuro siamo noi", documentario del regista francese Gilles de Maistre che ha per protagonisti bambini che, a ogni latitudine, si battono per rendere il mondo un luogo migliore per le nuove generazioni.

Distribuito in Italia da Officine UBU, "Il futuro siamo noi" è presentato come evento speciale all’interno della rassegna "Alice nella Città" - questa sera alle h. 22,30 in anteprima per la stampa, e domani alle h. 12 in proiezione ufficiale. 

Il film dà voce ai bambini di tutto il mondo impegnati in cause umanitarie e che non hanno mai pensato di essere troppo giovani, troppo deboli o troppo soli per opporsi all'ingiustizia o alla violenza. 

Protagonisti della pellicola sono 6 ragazzini - José, Arthur, Aissatou, Heena, Peter, Kevin e Jocelyn - raccontati nel loro impegno quotidiano per difendere i propri ideali e i diritti dei loro coetanei: storie emozionanti, raccolte da de Maistre dall'India al Perù, dalla Bolivia alla Guinea, passando per Francia e Stati Uniti, e che documentano il coraggio e concretezza di questi uomini e donne di domani,

«Se milioni di adulti e bambini agissero come questi incredibili ragazzini, avremmo risolto molti dei problemi che affliggono il mondo, rendendolo certamente un posto migliore per le generazioni a venire» commenta il regista francese.
 
Il film, che arriverà nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 19 novembre, vigilia della Giornata Mondiale dei Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. ha ricevuto il patrocinio dell'UNICEF Italia.

«Attraverso il loro attivismo, i protagonisti di questo documentario hanno dato luce a tanti bambini invisibili costretti a lavorare, a sposarsi, a non poter frequentare la scuola» aggiunge il Presidente dell’UNICEF Italia Francesco Samengo«E hanno dimostrato che i giovani sono pronti a prendere posizione e a guidare il cambiamento nel mondo.»