[/diritti/documenti/dettaglio.htm]
AREA

Monitoraggio della Convenzione

Ingroia primo candidato premier ad aderire a #votaperibambini

Antonio Ingroia (Rivoluzione Civile) con il Direttore generale dell'UNICEF Italia - ©Valerio Serafini
Antonio Ingroia (Rivoluzione Civile) con il Direttore generale dell'UNICEF Italia - ©Valerio Serafini
Antonio Ingroia, leader candidato premier di “Rivoluzione civile”, ha aderito oggi al documento UNICEF  “#vota per i bambini- Diritti in Parlamento“, lanciato in occasione delle elezioni politiche del prossimo 24 e 25 febbraio. 
 
Ingroia ha incontrato a Roma una delegazione dell’UNICEF Italia, guidata dal Direttore generale Davide Usai, e con la firma del documento si è  impegnato a dare priorità all’infanzia nella prossima agenda di governo.
 
«La salvaguardia dei minori è un dovere che deve essere garantito con ogni sforzo e con ogni misura» ha dichiarato il leader di Rivoluzione Civile. «Eppure troppo spesso leggiamo notizie brutali che ci sconvolgono. 

La tutela dei minori rappresenta un punto qualificante del nostro programma incentrato sul rispetto dei diritti fondamentali dell'individuo. Gli attuali strumenti normativi non assicurano la loro piena tutela.

Per questo in Parlamento ci impegneremo per adeguare la nostra legislazione a quella delle democrazie più avanzate sul piano della protezione contro gli abusi, dell'istruzione e del contrasto alla povertà. Particolare rilevanza ha il tema del riconoscimento della cittadinanza per i figli di immigrati nati in Italia, una legge di civiltà che intendiamo introdurre» ha concluso il leader di Rivoluzione Civile «per contrastare ogni forma di discriminazione e per garantire la giustizia sociale.»
 
«Ringraziamo Antonio Ingroia per questo significativo gesto e rinnoviamo l’appello agli altri leader candidati premier a sottoscrivere il documento, che è rivolto a chi avrà in mano il futuro dell’Italia. Siamo fermamente convinti che per ottenere risultati concreti sulla situazione dei bambini e degli adolescenti che vivono in Italia debbano cambiare non solo le leggi ma anche le politiche e le prassi» ha successivamente dichiarato il Presidente dell’UNICEF Italia Giacomo Guerrera. L’UNICEF monitorerà annualmente il rispetto dell’impegno sottoscritto. 
 
Lo scorso 10 febbraio, in 80 città di tutta Italia, si è svolto  un evento pubblico - un vero e proprio election day sui diritti dell’infanzia - che ha coinvolto migliaia di adulti e bambini che hanno sottoscritto il documento “#vota per i bambini- Diritti in Parlamento“.
 
È ancora possibile votare on line sul sito www.unicef.it/votaperibambini.  

Le nostre proposte per la prossima legislatura

Il documento “#vota per i bambini – Diritti in Parlamento” contiene proposte nelle 10 aree nelle quali è prioritario intervenire per la realizzazione della Convenzione sui Diritti dell'Infanzia. 

Questi i 10 temi oggetto di proposte:
  1. Nessuno escluso: proteggere dalla povertà
  2. Tutti uguali di fronte alle leggi: non discriminazione e cittadinanza
  3. Investire sull'infanzia: costruire il futuro
  4. L'Italia per i bambini nel mondo: l'aiuto allo sviluppo
  5. Giustizia a misura di bambini e ragazzi
  6. Scuola di qualità per tutti
  7. L'ambiente giusto per crescere
  8. Contro ogni violenza
  9. Professionisti per l'infanzia: la formazione
  10. I Ragazzi protagonisti: ascolto e partecipazione