[/diritti/20novembre/documenti/dettaglio.htm]

"Iqbal: bambini senza paura", un film sui diritti dei bambini

17 novembre 2015 - "Iqbal bambini senza paura" è il nuovo film d’animazione realizzato dai registi Michel Fuzellier e Babak Payami. 

Il film è ispirato alla storia vera di Iqbal Masih, il giovanissimo lavoratore e attivista pakistano divenuto icona della lotta allo sfruttamento del lavoro minorile. Iqbal riuscì a portare la sua testimonianza fino all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, prima di essere assassinato a soli 12 anni, nel 1995, a Lahore.

Il film è stato realizzato in collaborazione con l’UNICEF Italia, prodotto dalla Gertie Production e distribuito da Academy Two. Sarà nelle sale cinematografiche a partire da giovedì 19 novembre, vigilia della Giornata Internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. 

"Iqbal: bambini senza paura" è stato proiettato per la prima volta nel corso della recente Festa del Cinema di Roma nella sezione "Alice nella Città": la tecnica utilizzata per la messa in scena è un originale mix di animazione 3D su scenografie disegnate, che genera affascinanti e suggestive prospettive, nelle inquadrature, nei tagli di luce e nei colori.

Il film viene presentato oggi alle h. 20 in anteprima al MAXXI – il Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo di Roma.

La proiezione rientra nelle attività di CityFest, il programma di eventi culturali realizzato dalla Fondazione Cinema per Roma presieduta da Piera Detassis, in collaborazione con "Alice nella città" per l’ambito giovani/educational.

In quest’occasione il pubblico potrà incontrare il regista Michel Fuzellier e i produttori Fulvia Serra e Franco Serra.

L’ingresso alla proiezione è gratuito fino a esaurimento posti, previo ritiro di un coupon (per un massimo di tre a persona) che saranno distribuiti presso il MAXXI tra le ore 11 e le ore 18 di martedì 17 novembre. 

La trama

Il film racconta la storia di Iqbal, un ragazzino sveglio e vivace di dieci anni, che vive con il fratello Aziz e la madre Ashanta a Kardù in un piccolo villaggio.

Deciso a trovare in qualunque modo i soldi per comprare le medicine per Aziz, il fratello malato, Iqbal scappa per andare al mercato di Mapur.

Lì incontra Hakeem, che si offre di comprargli le medicine per il fratello in cambio, però, dovrà lavorare nella fabbrica di tappeti del suo amico Guzman.

Iqbal conosce allora i suoi compagni d’avventura: Fatima, Emerson, Maria, Ben, Salman e Karim, bambini di età diverse ma con storie simili. Presto Iqbal capisce che quel debito non sarà mai ripagato ma non si dà per vinto, comincia a elaborare un piano per scappare e liberare i suoi piccoli amici…