[/unicefpeople/goodwillambassador/documenti/dettaglio.htm]
AREA

Ambasciatori e Testimonial

Pietro Bartolo nominato Goodwill Ambassador dell'UNICEF Italia

© UNICEF/NYHQ/Arias
24 maggio 2017
25 maggio 2017 – Nell'ambito della manifestazione organizzata oggi dall'UNICEF a Palermo, il dottor Pietro Bartolo è stato nominato Goodwill Ambassador dell’UNICEF Italia.
 
Questa la motivazione scelta: «perché con la sua instancabile attività di soccorso sanitario ha saputo trasmettere dalla piccola isola di Lampedusa all'Italia, all'Europa e al mondo intero quel messaggio sulla priorità assoluta della tutela della vita umana che è alla base stessa della missione dell'UNICEF».
 
Alla cerimonia di nomina, erano presenti il Vicedirettore Generale dell'UNICEF Justin Forsyth, il Direttore generale dell’UNICEF Italia Paolo Rozera, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, insieme a tanti studenti e volontari palermitani e a numerosi ragazzi ospiti dei Centri di prima e seconda accoglienza per minori migranti e rifugiati.

Da settembre 2016 l’UNICEF supporta il poliambulatorio diretto dal dottor Pietro Bartolo attraverso la collaborazione della dottoressa Helena Rodriguez, ginecologa e mediatrice culturale di nazionalità cubana, incaricata dell’accoglienza e dell’assistenza dei bambini e delle donne migranti e rifugiati sbarcati a Lampedusa e di indirizzare i casi più gravi a strutture specializzate.
 
In questi mesi Helena Rodriguez ha visitato circa 4.000 pazienti, garantendo un insostituibile sostegno alle attività dell’unico presidio sanitario dell’isola.

Pietro Bartolo è il direttore del poliambulatorio dell'isola di Lampedusa sin dal 1991. Da sempre in prima linea nel soccorso ai migranti, ha ricevuto diverse onorificenze, tra cui il titolo di «Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana», il premio Sérgio Vieira de Mello (Cracovia 2015) e il premio Don Beppe Diana.(2016).
 
Il dottor Bartolo è anche uno dei protagonisti di "Fuocammare", il film di Gianfranco Rosi vincitore dell'Orso d'oro a Berlino 2016, degli European Film Awards 2016 e nominato al premio Oscar 2017 come miglior documentario.