[/paesi/paese/documenti/dettaglio.htm]

progetti

16 milioni di bambini colpiti dalle inondazioni in Asia meridionale

Famiglie accampate ai bordi di una strada dopo le piogge torrenziali di agosto a Kulari, un villaggio nel Nepal orientale - ©UNICEF/UN076169/Shrestha
Famiglie accampate ai bordi di una strada dopo le piogge torrenziali di agosto a Kulari, un villaggio nel Nepal orientale - ©UNICEF/UN076169/Shrestha
2 settembre 2017 - Settimane di piogge monsoniche torrenziali e catastrofiche inondazioni  in tre paesi dell'Asia meridionale - Nepal, India e Bangladesh - hanno devastato la vita di milioni di bambini e famiglie. 

L'UNICEF stima che quasi 16 milioni di bambini e le loro famiglie abbiano urgente bisogno di aiuti umanitari.

Dalla metà di agosto il bilancio delle alluvioni in questa regione dell'Asia è di almeno 1.288 morti e oltre 45 milioni di persone colpite.

«Milioni di bambini hanno visto la loro vita spazzata via da queste devastanti inondazioni» afferma Jean Gough, direttore UNICEF per l'Asia meridionale. «I bambini hanno perso le loro case, le scuole, gli amici e i propri familiari. E c'è il rischio che il peggio debba ancora arrivare, se le piogge continueranno e le acque alluvionali si sposteranno a sud.» 

Nel solo Bangladesh oltre 8 milioni di abitanti sono stati colpiti dalle inondazioni, tra loro circa 3 milioni sono bambini. Sono 700mila le abitazioni e 2.292 le scuole danneggiate o distrutte dall'acqua. E sono già stati registrati più di 13.000 casi di malattie veicolate dall'acqua inquinata.

Nel Nepal 1,7 milioni di persone, tra cui 680.000 bambini, sono state coinvolte dalle inondazioni e 352.738 sono gli sfollati. Oltre 185.126 abitazioni e 1.958 scuole sono state danneggiate o distrutte, mettendo a rischio l'istruzione per 253.605 bambini.

In India, quattro Stati nel nord del paese sono stati flagellati dalle inondazioni, che hanno coinvolto oltre 31 milioni di persone, tra cui 12,33 milioni di bambini. Circa 805.183 case e 15.455 scuole sono rimaste parzialmente o completamente danneggiate: quasi un milione di bambini al momento non hanno la possibilità di andare a scuola. 

Molte aree rimangono inaccessibili a causa dei danni alle strade, ai ponti, alle ferrovie e agli aeroporti. 

Al momento i bisogni più urgenti dei bambini sono: acqua pulita, kit igienici per prevenire la diffusione delle malattie, alimenti per l'infanzia e spazi protetti per giocare all'interno dei centri di raccolta per gli sfollati.

L'UNICEF sta lavorando in stretto coordinamento con i governi e con le organizzazioni partner dei tre paesi per intensificare la propria risposta umanitaria. 

«Danni massicci alle infrastrutture scolastiche significano anche che centinaia di migliaia di bambini possono perdere settimane o mesi di scuola»  ribadisce Gough. «Riportare i bambini a scuola è assolutamente fondamentale per creare un senso di stabilità per i bambini in tempi di crisi e fornisce un senso di normalità quando tutto il resto della loro vita viene sconvolto.»