[/campagne/documenti/dettaglio.htm]
AREA

Bambini sperduti

Messico, sono oltre 1000 i bambini migranti che attendono di emigrare negli Stati Uniti

Alcuni bambini e gli adolescenti che fanno parte di una carovana, nel Chiapas. Il team dell'UNICEF sta identificando i loro bisogni per supportare la risposta delle autorità e della società civile © UNICEF/Mexico
29 novembre 2018 - “L’UNICEF è profondamente preoccupato per la sicurezza e il benessere degli oltre 1.000 bambini migranti che si stanno spostando attraverso il Messico o che aspettano al confine a Tijuana che le loro richieste di asilo vengano prese in esame dalle autorità per l’immigrazione negli Stati Uniti.
 
Questi bambini hanno un accesso limitato a molti dei servizi essenziali di cui hanno bisogno per il loro benessere, fra cui la nutrizione, l’istruzione, aiuti psicosociali e assistenza sanitaria.
 
Sono inoltre a rischio di sfruttamento, abuso e tratta mentre sono in viaggio, nei campi affollati e nei centri di riposo al confine.
 
Queste condizioni così difficili sopraggiungono dopo che sono già scappati da violenza, estorsione, povertà devastante e mancanza di opportunità nei loro paesi d’origine dell’America Centrale del nord.
 
Un bambino è prima di tutto un bambino, a prescindere dal suo status migratorio. In accordo col diritto internazionale, l’UNICEF chiede a tutti i governi di garantire che questi bambini migranti abbiano accesso a procedure per la richiesta d’asilo tempestivamente, a prescindere da come entrino nel paese.
 
L’UNICEF inoltre invita i governi nella regione a tenere le famiglie insieme e usare alternative consolidate alla detenzione per immigrazione, come la gestione dei casi su base locale per le famiglie.
 
La detenzione e la separazione delle famiglie sono esperienze profondamente traumatiche che possono rendere i bambini maggiormente vulnerabili a sfruttamento e abuso e che possono creare stress nocivo con conseguenze a lungo termine devastanti.
 
Infine, chiediamo ai governi di rinnovare le azioni per affrontare le cause all’origine della migrazione irregolare – povertà, violenza e mancanza di opportunità formative ed economiche.
 
Fino a che non sarà data una risposta a queste cause in un modo che sia significativo sul lungo termine, le famiglie e i bambini saranno spinti a lasciare le loro case in cerca di salvezza o di un futuro più ricco di speranza attraverso rotte migratorie irregolari.
 
L’UNICEF è pronto a lavorare con tutti i governi nella regione per assicurare che ai bambini migranti vengano forniti il supporto e i servizi di cui hanno bisogno e che i loro diritti siano rispettati.