[/unicefpeople/goodwillambassador/documenti/dettaglio.htm]
AREA

Ambasciatori e Testimonial

Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco confermato Goodwill Ambassador dell’UNICEF Italia

Il Presidente dell’UNICEF Italia Francesco Samengo e il Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Fabio Dattilo - ©UNICEF Italia/2019/A.Longobardi
Il Presidente dell’UNICEF Italia Francesco Samengo e il Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Fabio Dattilo - ©UNICEF Italia/2019/A.Longobardi
6 giugno 2019

6 giugno 2019 – Oggi, a Roma, in occasione dell’Assemblea nazionale dei Volontari dell’UNICEF Italia, viene rinnovato il Protocollo d’Intesa che vedrà impegnati, per i prossimi cinque anni, l’UNICEF Italia e il Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile

Il Protocollo è firmato dal Presidente dell’UNICEF Italia Francesco Samengo e dal Vice Capo Dipartimento Vicario-Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Fabio Dattilo

Nell'occasione, il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco viene inoltre confermato Goodwill Ambassador dell’UNICEF Italia. 

Alla presentazione del Protocollo saranno presenti, oltre ai due firmatari, il Direttore della Division of Private Fundraising and Partnerships (PFP) dell'UNICEF Gary Stahl e tutti i Presidenti regionali e provinciali dell’UNICEF Italia.

Obiettivo della collaborazione tra l’UNICEF Italia e il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco è di condividere e realizzare azioni ed iniziative di sensibilizzazione a sostegno dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, con particolare riguardo alla promozione e alla tutela della sicurezza e alla diffusione dei valori della protezione e prevenzione del rischio, in particolare per i bambini e i giovani.  

«La presenza nelle emergenze, caratterizzata dall'imparzialità e votata esclusivamente a rispondere ai bisogni dell'essere umano, accomuna i Vigili del Fuoco e l'UNICEF e crea i presupposti per una naturale alleanza tra loro in favore dell'infanzia» afferma il Presidente dell'UNICEF Italia Samengo. 

«È sulla base della condivisione di questi ideali e valori che con grande orgoglio, oggi e per i prossimi cinque anni, ci impegniamo con i Vigili del Fuoco in attività e iniziative rivolte alla promozione della sicurezza e protezione di tutti, soprattutto dei bambini più vulnerabili su tutto il nostro territorio. Il rinnovo di questa storica collaborazione avviene proprio nell'anno in cui si celebrano i 30 anni dall'approvazione della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia.» 

«Azioni e iniziative comuni legano l’UNICEF e i Vigili del Fuoco, nello spirito di una antica e datata collaborazione che, anche attraverso la sottoscrizione odierna, intende confermare ed arricchire la condivisione e la vicinanza ai diritti dell’infanzia tutta, segnatamente dei bambini dimenticati e di quelli in particolare condizione di vulnerabilità e degrado sociale e assicurare l’inclusione anche dei bambini con disabilità» sottolinea il Vice-capo Dipartimento VVFF Dattilo. «Anche per il Corpo nazionale la sottoscrizione del protocollo avviene in un’occasione particolare, ovvero nella ricorrenza degli 80 anni della istituzione del Corpo.»

La condivisione dei suddetti ideali e valori è la ragione della riconferma dei Vigili del Fuoco Ambasciatori dell’UNICEF Italia: “L’impegno nelle drammatiche emergenze, affrontato con grande responsabilità civile e sensibilità umana, accomuna il Corpo dei Vigili del Fuoco e l’UNICEF nell’intento superiore della salvaguardia delle persone bisognose e dell’infanzia. Ai generosi uomini che domano le fiamme e donano i loro cuori, come recita il motto ‘Flammas domamus, donamus corda’, affidiamo idealmente il compito di rappresentare, ovunque operino, lo spirito di fratellanza e solidarietà che anima l’azione di chi interviene a favore delle bambine e dei bambini salvando loro la vita, i sogni ed il futuro”. 

Il Protocollo vedrà l’UNICEF Italia e i Vigili del fuoco impegnati in diverse iniziative su tutto il territorio nazionale, anche attraverso la rete dei Comitati locali dell'UNICEF, per diffondere informazioni e promuovere attività che coinvolgano direttamente i bambini e le loro famiglie sulla propria salute, sicurezza e sulla prevenzione dei rischi in caso di necessità.