[/paesi/emergenze/Sahel/documenti/dettaglio.htm]
AREA

emergenze

Sahel, 5 milioni di bambini hanno bisogno di aiuti umanitari

© UNICEF/UNI280741// Vincent Tremeau
© UNICEF/UNI280741// Vincent Tremeau
28 gennaio 2020 – Secondo l’UNICEF circa 5 milioni di bambini in Burkina Faso, Mali e Niger avranno bisogno di assistenza umanitaria nel 2020, un numero in aumento rispetto ai precedenti 4,3 milioni.
 
Questa previsione è legata a un aumento delle violenze, compresi attacchi contro i bambini e i civili, rapimenti e reclutamento dei bambini nei gruppi armati.
 
Gli attacchi contro i bambini sono aumentati l’anno passato; per esempio, il Mali ha registrato 571 violazioni gravi contri i bambini nei primi 9 mesi del 2019, rispetto alle 544 del 2018 e alle 386 del 2017.
 
Dall’inizio del 2019, oltre 670.000 bambini nella regione sono stati costretti a lasciare le loro case a causa di conflitti armati e insicurezza.
 
«Quando guardiamo alla situazione nel Sahel centrale, non possiamo che essere colpiti dalla portata delle violenze che i bambini stanno affrontando. Vengono uccisi, mutilati e sono vittime di abusi sessuali, centinaia di migliaia di loro hanno vissuto esperienze traumatiche», ha dichiarato Marie-Pierre Poirier, Direttore Regionale dell’UNICEF per l’Africa Centrale e Occidentale.
 
«I bambini colpiti dalle violenze nel Sahel Centrale hanno bisogno urgentemente di protezione e supporto.
 
L’UNICEF chiede ai governi, alle forze armate, ai gruppi armati non statali e alle altre parti in conflitto di fermare gli attacchi sui bambini – nelle loro case, scuole o centri sanitari. L’UNICEF chiede accesso sicuro a tutti i bambini coinvolti, in linea coi principi umanitari.
 
Chiediamo a tutte le parti di proteggere e agevolare l’accesso ai servizi sociali. È fondamentale per la coesione sociale e contribuisce a prevenire i conflitti.
 
L’aumento delle violenze ha anche conseguenze devastanti sull’apprendimento dei bambini. Alla fine del 2019, oltre 3.300 scuole nei tre paesi erano chiuse o non in funzione a causa delle violenze – un aumento di sei volte rispetto ad aprile 2017 – colpendo 650.000 bambini e 16.000 insegnanti.
 
L’insicurezza e lo sfollamento stanno creando barriere significative per i bambini e le famiglie che cercano accesso a servizi essenziali, cibo e aiuti nutrizionali – fattori di rischio che possono portare a un deterioramento dello stato nutritivo e sanitario dei bambini.
 
L’UNICEF stima che nel Sahel centrale, oltre 709.000 bambini sotto i 5 anni soffriranno di malnutrizione acuta grave e avranno bisogno di cure salvavita quest’anno.
 
Nel frattempo, l’accesso delle famiglie all’acqua sicura sta diminuendo. Solo in Burkina Faso, l’accesso all’acqua sicura è diminuito del 10% dal 2018 al 2019 in aree in cui gli sfollati interni rappresentano oltre un quinto della popolazione. Alcune aree hanno subito una diminuzione addirittura del 40%.
 
L’UNICEF è sul campo in Burkina Faso, Mali e Niger, lavorando con i partner per fornire ai bambini il supporto urgentemente necessario e servizi per la protezione, l’istruzione, la salute, la nutrizione, l’acqua e igienico-sanitari.
 
L’appello dell’UNICEF per il 2020 è di 208 milioni di dollari per supportare la sua risposta umanitaria nel Sahel centrale.