[/italia/regioni/province/]
AREA

Sicilia

A Catania un importante evento formativo su bullismo e cyberbullismo

  Locandina del convegno
Locandina del convegno

12 febbraio 2020 - Il 13 gennaio, a Catania, presso il Palazzo di Giustizia, si è svolto l’evento formativo: “Nuovi interventi normativi ed operativi in tema di bullismo e cyberbullismo, DDL N. 1524 / 2019, responsabilità scuola-famiglia-web reputation”.

Temi del Convegno la criticità ed efficacia della legge 71 del 2017 sul cyberbullismo, a due anni dalla sua entrata in vigore, i nuovi interventi normativi previsti dal ddl 1524/2019; le responsabilità giuridiche dei genitori e degli operatori scolastici, la necessità di introdurre idonei sistemi operativi ed organizzativi nella scuola; le conseguenze del cyberbullismo sulla formazione della web reputation ed effetti nel mondo del lavoro.

Ha aperto il Convegno la Dott.ssa Caterina Ajello, Procuratore Capo presso la Procura del Tribunale per i Minorenni di Catania, che ha parlato di episodi di violenza di cui si è occupata ed ha evidenziato le criticità della legge 71/2017 e la necessità di perfezionare il DDL 1524/2019, già approvato dalla Camera dei Deputati. Ad introdurre il tema dell’incontro, moderato dall’Avv. Guido Minà, socio della sede di CAMMINO Catania, l’avv. Marilena Parisi, Presidente dell’Associazione. L’Avv. Delia Ginardi, tesoriere e responsabile dell’area di studio su bullismo e cyberbullismo, sede CAMMINO di Catania, organizzatrice dell’evento, ha tracciato gli aspetti normativi recenti, sottolineando le nuove linee risarcitorie alla luce delle più recenti pronunce della giurisprudenza ed evidenziato la natura delle responsabilità giuridiche di genitori e operatori scolastici. L’analisi degli aspetti operativi e tecnici è stata approfondita dal Prof. Giancarlo Pavano, esperto in organizzazione scolastica, di prevenzione e contrasto al bullismo e al cyberbullismo, ideatore del PIOS (protocollo operativo antibullismo), che ha offerto una metodica efficace sulle modalità e le tecniche per affrontare il fenomeno. La Dott.ssa Adriana Battaglia, giornalista, scrittrice e valutatrice dei progetti della Commissione Europea, già consulente MIUR, riferendo dei progetti ai quali prende parte in giro per il mondo, ha evidenziato come elemento comune al disagio sociale, emblema di questo triste fenomeno, sia un concetto di libertà privato dal senso della responsabilità.

Al Convegno sono intervenuti il Presidente del Comitato Regionale Sicilia per l’UNICEF, Prof. Vincenzo Lorefice e la Presidente del Comitato Provinciale di Catania, Ambra Picasso, che hanno riferito dell’interesse suscitato nel mondo della scuola dal Progetto MIUR-UNICEF: “Verso una Scuola Amica dei bambini e dei ragazzi”, al suo decimo anno di vita, che propone approfondimenti sulle diverse forme di bullismo, sottolineando la particolare collaborazione e comunione di intenti sul tema tra UNICEF e Associazione CAMMINO. Il Dott. Francesco Saverio Maria Mannino, Presidente del Tribunale di Catania, ha ribadito come il fenomeno sia espressione di problemi sociali profondi che riguardano la crisi della famiglia, quale principale agenzia educativa, e la crisi della scuola, spesso in grave difficoltà. Il Presidente del COA Catania, Avv.to Rosario Pizzino, ha sottolineato l’importanza dell’Avvocatura, chiamata ancora una volta a svolgere un ruolo sociale, proprio su questo tema, come ribadito anche di recente dal CNF, elogiando l’Associazione CAMMINO per l’attività di formazione ed informazione svolta per gli avvocati catanesi.

L’incontro ha visto la partecipazione straordinaria dell’onorevole Valentina D’Orso referente in Commissione Giustizia sul DDL 1524/2019. L’incontro, al quale ha partecipato un folto e attento pubblico, composto, oltre che da avvocati, da assistenti sociali, dirigenti scolastici e docenti, si è concluso con l’intervento della dott. Letizia Pastore, esperta in politiche attive del lavoro e didattica innovativa, Fondazione Franchi – Firenze, che ha riferito sulla incidenza negativa del cyberbullismo nella formazione della Web Reputation, con conseguenze devastanti nelle dinamiche della politica del lavoro



   Tags:  unicef catania