[/paesi/emergenze/documenti/dettaglio.htm]
AREA

emergenze

Yemen, arrivati i primi 10.000 test per il COVID-19

Le operazioni di scarico del cargo con aiuti UNICEF arrivato all'aeroporto di Sana'a, capitale dello Yemen - ©UNICEF Yemen/2020/102665
Le operazioni di scarico del cargo con aiuti UNICEF arrivato all'aeroporto di Sana'a, capitale dello Yemen - ©UNICEF Yemen/2020/102665
19 giugno 2020 — Un primo carico di 10.000 test per il COVID-19 è arrivato a Sana’a ieri con un volo UNICEF, visto il rapido aumento dei casi in Yemen. L’arrivo di ulteriori 8.000 test -è previsto nei prossimi giorni ad Aden
 
«Questi kit per i test consentiranno di effettuare maggiori test per il COVID-19 in tutto il paese e di gestire tempestivamente i casi confermati per salvare le loro vite» ha dichiarato Beysolow Nyanti, Rappresentante UNICEF in Yemen.
 
«L’UNICEF continua a fornire aiuti di base in Yemen per supportare gli sforzi di risposta e proteggere i bambini e le loro comunità dalla pandemia.»
 
Da quando è stato confermato ufficialmente il primo caso di COVID-19 in Yemen lo scorso 10 aprile, l’UNICEF ha fornito oltre 33.000 respiratori N-95, 33.000 scudi facciali e 18.000 camici nel paese.
 
Questi dispositivi di protezione personali supporteranno 400 operatori sanitari in prima linea per tre mesi, ma rappresentano solo il 5% degli aiuti per il COVID-19 di cui l’UNICEF ha bisogno in Yemen.
 
Il COVID-19 è solo l’ultima sfida per le famiglie in Yemen. Il pericolo per i bambini e le loro famiglie è rappresentato da un generale scarso tasso di vaccinazioni, alti livelli di malnutrizione tra i bambini, la mancanza di un accesso regolare a servizi di base che comprendono vaccinazioni e un sistema sanitario devastato in cui solo la metà delle strutture sono operative a causa del conflitto.
 
La risposta dell’UNICEF al COVID-19 in Yemen rimane ampiamente sotto finanziata. Finora dei 53 milioni di dollari richiesti nell’appello è stato ricevuto solo il 10%.
 
Se non arriveranno in tempi brevi gli ulteriori 48 milioni di dollari, l’UNICEF non potrà continuare La sua risposta salvavita alla pandemia di COVID-19, che comprende:
 
  • Rifornimento di Dispositivi di Protezione Personale, operazioni e attività di sensibilizzazione in supporto a 30.000 operatori sanitari in prima linea.
  • Organizzazione di screening con i pazienti per la continuità dei servizi in 4.000 strutture;
  • Fornitura di servizi idrici e igienico sanitari sicuri per 900.000 persone nei centri di isolamento e nelle strutture per la quarantena;
  • Ampliare la capacità per la terapia con ossigeno fornendo i concentratori di ossigeno necessari

 

«La generosità dei nostri donatosi negli anni ha realmente salvato la vita di milioni di bambini. Con il COVID-19, questa generosità è ancora più necessaria e ci consentirà non solo di rispondere al COVID-19 ma anche di continuare a svolgere il nostro vitale lavoro per i bambini colpiti dalla più grande crisi al mondo,» ha concluso Nyanti.



   Tags:  yemen , coronavirus