Piano UNICEF, acqua pulita per 10 milioni in Siria

3 minuti di lettura

03/02/2013

Dona ora

È in corso in Siria una vasta operazione per garantire l'accesso all’acqua potabile per più di 10 milioni di persone - quasi metà della popolazione - ha dichiarato oggi l'UNICEF.
 
Domenica 3 febbraio i primi quattro camion con 80 tonnellate di ipoclorito di sodio per il trattamento delle acque hanno attraversato il confine dalla Giordania alla Siria, diretti alle città di Homs, Aleppo, Hama e Idleb.
 
Nelle prossime settimane, l'UNICEF fornirà 1.000 tonnellate di cloro per le città e i villaggi dei 14 Governatorati della Siria.
 
L'operazione avviene in un momento di crescente preoccupazione per l'impatto che 23 mesi di conflitto hanno avuto sulle stazioni in cui viene pompata l'acqua e su altre infrastrutture vitali, e per le implicazioni sulla salute dei bambini.
 
I rapporti dicono che qualità e quantità delle risorse idriche continuano a deteriorarsi in diverse parti del Paese e in alcune zone severamente colpite.
 
«Questi aiuti sono di fondamentale importanza, perché le forniture di cloro in Siria sono pericolosamente diminuite e l'accesso all'acqua potabile è diventato ormai difficile per molte famiglie» ha detto Abdel-Youssouf Jelil, Rappresentante dell'UNICEF in Siria. «Ciò espone la popolazione – e in particolare i bambini – a un alto rischio di contrarre diarrea ed altre malattie causate dall’acqua.» 
 
L’operazione è condotta in coordinamento con il Dipartimento tecnico del Ministero delle Risorse Idriche e la Mezzaluna Rossa Siriana.
 
Come parte della risposta umanitaria in Siria nei settori Acqua e Igiene, l'UNICEF sta supportando l’operazione e la manutenzione dei sistemi idrici, attraverso la  distribuzione di aiuti e forniture per la clorazione. 

Lo scavo di un nuovo pozzo nel campo profughi di Za'atari, nel deserto della Giordania (novembre 2012) - ©UNICEF Giordania/2012/Al-Masri

Lo scavo di un nuovo pozzo nel campo profughi di Za'atari, nel deserto della Giordania (novembre 2012) - ©UNICEF Giordania/2012/Al-Masri


L'UNICEF, inoltre, continua a lavorare con i suoi partner per migliorare l'accesso ai servizi igienico-sanitari per mezzo milione di persone e fornire kit igienici e di educazione all'igiene per 750.000 persone.

L'UNICEF ha lanciato un appello per 22,5 milioni di dollari per assicurare – tra gennaio e  giugno 2013 - aiuti umanitari di prima necessità nei settori idrico e igienico. Finora ne ha ricevuti solo 4,8 milioni.

Come puoi aiutare i bambini nella Siria 

 Anche tu puoi contribuire a salvare la vita dei bambini con una donazione online oppure con uno degli altri modi per donare:

bollettino di c/c postale numero 745.000, intestato a UNICEF Italia, specificando la causale “Emergenza Siria”  
carta di credito online sul nostro sito oppure telefonando al Numero Verde UNICEF 800 745 000
bonifico bancario sul conto corrente intestato a UNICEF Italia su Banca Popolare Etica: IBAN IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051, specificando la causale “Emergenza Siria"
- donazione presso il Comitato UNICEF della tua città (trova qui quello più vicino a te)

03/02/2013

News ed Aggiornamenti

Chiama Ora il 800 91 42 49 e dona 9 euro al mese!

Chiama