"Acqua sotto attacco": quando nei conflitti i bersagli sono i servizi idrici e igienico-sanitari

5 minuti di lettura

25/05/2021

Secondo l'UNICEF, gli attacchi alle strutture idriche e igienico-sanitarie e agli operatori nei conflitti di tutto il mondo continuano a mettere a rischio la vita di milioni di bambini e a negare a loro e alle famiglie l'accesso a servizi idrici e igienico-sanitari fondamentali.

Nei 9 paesi (Repubblica Centrafricana, Iraq, Libia, Palestina, Pakistan, Sudan, Siria, Ucraina e Yemen) analizzati in Water Under Fire Volume 3: Attacks on water and sanitation services in armed conflict and the impacts on children (Acqua sotto attacco: Attacchi ai servizi idrici e igienico-sanitari nei conflitti armati e l'impatto sui bambini) si stima che quasi 48 milioni di persone, fra cui bambini, abbiano bisogno di acqua sicura e servizi igienico-sanitari.

Proteggere l'acqua e i servizi igienico-sanitari è fondamentale per la sopravvivenza di milioni di bambini.  Nei paesi fragili, i bambini sotto i cinque anni hanno una probabilità 20 volte maggiore di morire a causa di malattie diarroiche che a causa della violenza, e i bambini in contesti estremamente fragili vivono spesso una situazione 8 volte peggiore per quanto riguarda gli indicatori idrici e igienico-sanitari rispetto ai bambini nati in ambienti stabili e protetti.

L'accesso all'acqua è un mezzo di sopravvivenza che non deve mai essere usato come tattica di guerra

Manuel Fontaine, Direttore dei programmi d'emergenza dell'UNICEF

"Gli attacchi alle infrastrutture idriche e sanitarie sono attacchi contro i bambini. Quando il flusso d'acqua si ferma, malattie come colera e diarrea possono diffondersi a macchia d'olio, spesso con conseguenze fatali. Gli ospedali non riescono a funzionare e i tassi di malnutrizione e malnutrizione acuta aumentano. I bambini e le famiglie sono spesso costretti a uscire in cerca di acqua, il che li espone, in particolare le ragazze, a un rischio maggiore di danni e violenze"  continua Manuel Fontaine, Direttore dei programmi d'emergenza dell'UNICEF.

Il rapporto esamina l'immenso impatto che i bambini e le famiglie subiscono quando le infrastrutture idriche e sanitarie vengono attaccate, danneggiate o distrutte, controllate o limitate in altro modo nei paesi assediati dai conflitti armati. Sottolinea che l'accesso dei bambini all'acqua è stato minacciato in quasi tutte le emergenze legate ai conflitti a cui l'UNICEF sta rispondendo.

Per esempio, l'Ucraina orientale ha subito quattro attacchi alle infrastrutture idriche dall'inizio dell'anno, con 380 attacchi registrati dal 2017. Circa 3,2 milioni di persone hanno bisogno di acqua e servizi igienici.

Entrando nel suo sesto anno di conflitto prolungato, lo Yemen ha subito 122 attacchi aerei sulle infrastrutture idriche tra marzo 2015 e febbraio 2021. Circa 15,4 milioni di persone hanno urgente bisogno di acqua sicura e servizi igienici, mentre l'epidemia di colera continua a far ammalare migliaia di bambini ogni settimana.

Dal 2019, lo Stato di Palestina ha subito 95 attacchi contro 142 infrastrutture idriche e igienico-sanitarie. Più di 1,6 milioni di persone vivono senza accesso a questi servizi di base.

A causa della fragilità pluridecennale dell'Iraq, le infrastrutture idriche e igienico-sanitarie hanno subito danni massicci, lasciando 1,85 milioni di persone tagliate fuori dall'accesso regolare all'acqua potabile salvavita e ai servizi igienici sicuri.

In Siria, circa 12,2 milioni di persone hanno bisogno di accedere all'acqua e ai servizi igienici a causa dei pesanti danni alle infrastrutture negli ultimi 10 anni di conflitto.

Water Under Fire

380attacchi

alle infrastrutture in Ucraina dall'inizio del conflitto

122attacchi

in Yemen tra il marzo 2015 e il febbraio 2021

142strutture

danneggiate in Palestina dal 2019 ad oggi

L'azione dell'UNICEF

Per proteggere urgentemente i bambini nei conflitti e garantire l'accesso all'acqua sicura e sufficiente, l'UNICEF chiede che: 

  • Tutte le parti in conflitto cessino immediatamente gli attacchi ai servizi idrici e igienici e al personale, e adempiere ai loro obblighi di proteggere i bambini nei conflitti, compresa la protezione delle infrastrutture idriche e igieniche;
  • Gli Stati, compresi i membri del Consiglio di sicurezza, intraprendano azioni più decise per far sì che gli autori di questi attacchi rispondano del loro operato;
  • I donatori investano nell'acqua e nei servizi igienici in situazioni di conflitto, poiché è la prima linea di difesa contro le malattie trasmissibili;
  • Il pubblico si unisca al nostro appello ad agire per porre fine agli attacchi contro i bambini nei conflitti e aggiungere la propria voce per proteggere le infrastrutture idriche e sanitarie e i lavoratori dell'acqua.

L'UNICEF lavora nei paesi colpiti dai conflitti per proteggere i bambini e fornire acqua potabile sicura e servizi igienico-sanitari adeguati migliorando e riparando i sistemi idrici, trasportando acqua, installando latrine e promuovendo la consapevolezza delle pratiche igieniche.

Nel 2020, l'UNICEF ha condotto risposte di emergenza in materia di acqua e servizi igienico-sanitari in 120 paesi, raggiungendo 39 milioni di persone con acqua pulita e quasi 7 milioni con servizi igienici.

Documenti disponibili

Rapporto Water Under Fire (in inglese)pdf / 4.84 Mb

Download

25/05/2021

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800900083

Chiama