Afghanistan: sconcerto per la notizia della fustigazione di un bambino di 12 anni. I bambini devono essere protetti

1 minuto di lettura

04/08/2021

Dichiarazione di Hervé Ludovic De Lys - Rappresentante UNICEF in Afghanistan

“L’UNICEF è profondamente preoccupato per l’escalation di violenze contro bambini in Afghanistan e esprime la sua indignazione per la notizia di un ragazzo di 12 anni del distretto di Shirin Tagab, nel villaggio di Kohsayyad nella provincia di Faryab, che ha subito una brutale fustigazione da parte di un esponente di un elemento antigovernativo.

Il bambino ha subito ferite alla schiena, alle gambe e ai piedi, ed è traumatizzato dal feroce attacco. L'UNICEF, con i partner locali, sta fornendo supporto urgente al bambino e alla sua famiglia, compreso il sostegno psicosociale, le cure mediche e altri bisogni immediati.
 
In linea con la Convenzione sui Diritti dell'Infanzia e dell’Adolescenza e le leggi umanitarie internazionali di cui l'Afghanistan è firmatario, tutti i bambini dovrebbero essere protetti. L'UNICEF esorta tutte le parti in conflitto a tenere i bambini al sicuro e a rispettare i loro diritti".

04/08/2021

News ed Aggiornamenti

Un vaccino anti COVID-19 per tutti con la Rete del Dono

Scopri di più